lunedì 24 aprile 2017

ERAVAMO AD UN PASSO DALLA GUERRA: IL MISSILE COREANO? NON ERA UN TEST: VOLEVANO COLPIRE DAVVERO, MA E’ STATO (PER FORTUNA) SABOTATO

Lancio solo dimostrativo, col missile caduto in mare per volontà dello stesso Kim Jong-un, che avrebbe così voluto sfidare Trump senza tuttavia innescare un conflitto con gli Stati Uniti. E’ stata questa la versione dei fatti avvenuti nella domenica di Pasqua e che è stata diffusa dai media di tutto il mondo. Quel che sarebbe, invece, veramente accaduto, lo racconta oggi sul quotidiano “Il Tempo” Luigi Bisignani. Il faccendiere autore de “L’uomo che sussurrava ai potenti” rivela che quel missile della domenica di Pasqua sarebbe in realtà stato abbattuto. L’informazione arriverebbe dai servizi segreti britannici (MI6), che sarebbero stati informati della mossa americana così come lo erano stati, preventivamente, Cina e Russia. L’ordine Trump lo avrebbe dato alla CIA: un cosiddetto “dare order”, per le conseguenze gravissime che l’azione di sabotaggio avrebbe potuto innescare. Operazione perfettamente riuscita, invece, con la Corea del Nord e Kim che hanno fatto una figuraccia planetaria.

Fonte: LIBERO

Photo by fabiolopiccolo:

2 commenti:

  1. puttanate il missile funziona e per quello che no hanno ancora bombardato la Korea

    RispondiElimina
  2. E quindi c'è una bomba atomica in fondo al mare

    RispondiElimina