mercoledì 19 aprile 2017

ECCO I CONTRATTI SEGRETI CHE HANNO SVENDUTO L’ITALIA ALLE BANCHE: LA RESPONSABILITA’? DELLA FECCIA PARASSITA CHE CI RACCONTA QUANTO E’ BELLA L’EUROPA

Derivati, ecco i contratti segreti che hanno svenduto l’Italia alle banche
Pubblichiamo per la prima volta i contratti con la banca americana Morgan Stanley che nel 2013 ci sono costati più di tre miliardi di euro.


Cade il segreto che le istituzioni hanno cercato di porre per impedire la divulgazione dei contratti derivati fatti dal Tesoro con le banche d’affari, e che stanno costando miliardi di euro alle casse pubbliche. Nel numero in edicola domenica 12 febbraio, L’Espresso pubblica infatti per la prima volta i contratti che nei primi giorni del 2012 hanno costretto il governo di Mario Monti a versare 3,1 miliardi di euro alla banca americana Morgan Stanley, per effetto di strumenti finanziari ad alto rischio che erano stati sottoscritti negli anni precedenti.
Si tratta di quattro famiglie di derivati molto complessi, che l’istituto ebbe la facoltà di terminare in largo anticipo rispetto alla data di scadenza prevista, per effetto di una discussa clausola di chiusura anticipata prevista in un vecchio accordo del 1994, mai esercitata in precedenza.




E ci sono i contenuti di una perizia richiesta dalla procura di Roma nel corso di un’indagine giudiziaria avviato nel 2015 e poi archiviato. Il professor Ugo Pomante, l’esperto interpellato dai magistrati romani, nella sua ricostruzione sostiene che per effetto di quella clausola del 1994 i vertici del Tesoro avrebbero dovuto astenersi dal fare nuovi contratti con Morgan Stanley. Al contrario negli anni che vanno dal 2004 al 2008 vennero rinegoziati derivati precedenti o ne vennero fatti di nuovi, come dimostrano i documenti rilevati da L’Espresso, perché i vertici del Tesoro non erano a conoscenza o sottovalutarono gli effetti della clausola in mano alla banca americana.
Il frontespizio dell’accordo quadro (Isda Master Agreement) firmato il 10 gennaio 1994, che definiva le regole comuni per tutti i derivati sottoscritti in seguito fra Morgan Stanley e il Tesoro. In un allegato è presente la discussa clausola che permette alla banca di pretendere la chiusura anticipata di tutti i contratti in essere fra le due parti, se il valore di mercato complessivo (detto anche “mark to market”)
FONTE

1 commento:

  1. Povera Italia usata anche come bancomat per banche americane grazie ai partiti storici che anno dissanguato i cittadini italiani per fare gli interessi degli amici..

    RispondiElimina