lunedì 9 maggio 2016

ULTIM'ORA! I GIORNALI NON NE PARLANO MA IN GRECIA E' GUERRA CIVILE. ECCO COSA STA SUCCEDENDO..





La Grecia approva le misure di austerità: scontri davanti al Parlamento

La Grecia piomba nuovamente nell'incubo. Il parlamento dà il via libera alle riforme delle pensioni e del fisco. Esplode la rabbia in piazza

La Grecia piomba nuovamente nell'incubo. Nella notte il parlamento ha approvato lariforma pensionistica e fiscale con cui il governo spera di adempiere gli impegni con i creditori internazionali.

Le misure di austerità ricevono il via libera, tra scontri e proteste, alla vigilia del vertice dell'Eurogruppo. La maggioranza, formata da Syriza e Greci indipendenti (Anel), ha tenuto ed è riuscita ad approvare le riforme dell'esecutivo con 153 voti a favore e 143 contrari. Ma il Paese è devastato dallo scontento per un pacchetto di riforme dettato da Bruxelles che rischia di impoverire ulteriormente i cittadini.
All'interno del nuovo pacchetto legislativo il governo ha fatto convogliare la riforma delle pensioni e la riforma delle imposte dirette e indirette. Le nuove misure dovrebbero, inoltre, permettere di risparmiare 5,4 miliardi di euro all'anno per raggiungere nel 2018 un surplus primario pari al 3,5% del pil, come previsto dal terzo programma di salvataggio firmato da Atene in estate con i creditori internazionali. "Siamo impegnati a riformare il sistema pensionistico senza ridurre le pensioni principali - ha dichiarato il premier Alexis Tsipras parlando in parlamento - l sistema aveva bisogno di una riforma perchè è troppo complesso, socialmente ingiusto e clientelare. E non corrisponde allo Stato finanziario del Paese". Il primo ministro ha sottolineato che il sistema a partire da oggi sarà "sostenibile senza toccare le pensioni principali" e ha promesso che "a più di due milioni di pensionati non verrà tolto un solo euro dalla pensione". Il leader del Syriza al governo si è, quindi, difeso dalle accuse del principale partito di opposizione, Nuova Democrazia, che ha guidato il Paese dal 2012 al 2015, ribadendo che coloro che ora li accusano di imporre "uno tsunami di imposte", hanno approvato "tasse e tagli per un valore di 63 miliardi di euro tra 2010 e il 2013. Solo nel 2014 i tagli imposti alla popolazione furono di 10 miliardi". Il governo ha precisato che il pacchetto di riforme approvato prima dell'Eurogruppo di oggi contribuirà a completare la prima revisione del salvataggio e ad accedere ai fondi verso il pagamento del debito che il Paese dovrà affrontare nel mese di luglio. Il primo ministro ha poi espresso la sua fiducia che, "dopo sei anni di misure di austerità concordate", l'Eurogruppo inserirà in agenda "una riduzione del debito greco".
Ieri circa 10mila manifestanti si sono raccolti nel pomeriggio a piazza Syntagma, davanti al parlamento, per chiedere il ritiro delle due riforme in attesa del voto dell'aula che dovrebbe arrivare in serata (guarda la gallery). Il corteo mattutino più partecipato era stato organizzato dal sindacato Pame legato al Partito comunista Kke, a cui secondo la polizia c'erano circa 7mila persone, mentre alla marcia organizzata dal principale sindacato del settore privato Gsee hanno partecipato 1.500 persone. Il malcontentosociale nel Paese è sfociato, prima che nelle proteste di ieri, nello sciopero generale di 48 ore che si è svolto venerdì e sabato, convocato da Adedy e Gsee, che ha portato al blocco totale dei trasporti pubblici ma ha avuto un impatto minimo sui negozi, e al quale si sono uniti settori come giornalisti e agricoltori.


3 commenti:

  1. Ma quando i paesi sottomessi alla troika si uniranno e marceranno su Bruxelles a prendere a bastonate i massoni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Se noi cominciamo a prendere.. a bastonate Renzi.. e i suoi scagnozzi e, tutto l'entourage sarebbe anche ora.

    RispondiElimina