domenica 12 febbraio 2017

Il disastro totale del PD. Numeri da pronto soccorso. Ecco i numeri che nessuno dice

I tesseramenti stanno crollando, scrive Repubblica: in Sicilia il Pd è fermo, bloccate le iscrizioni anche in Calabria. Il Partito democratico è alla canna del gas: a Torino, a livello provinciale i tesserati sono scesi da 7.800 a 4.900 e, solo in città, si sono dimezzati, passando da 2.400 a mille.
Nella rossa Emilia Romagna in tre anni i dem hanno perso la metà degli iscritti che sono scesi dai 76 mila (2013) a 37mila (dicembre 2016). Il segretario Paolo Calvano minimizza: "Siamo comunque circa all'80% del tesseramento a metà dicembre, a circa tre mesi dalla chiusura. Aspetto la fine della campagna per commentare". A parte la Toscana in linea con gli altri anni (40mila tesserati) e Milano, la situazione è drammatica. Nel Lazio e soprattutto a Roma, il rinnovo delle tessere 2016 è in alto mare.
Viste le cifre pubblicate su Repubblica, il vice segretario del Pd Lorenzo Guerini è costretto a intervenire: "I dati sul tesseramento del Pd sono parziali e dunque non rispondenti alla realtà. Il percorso del tesseramento si concluderà il prossimo 28 febbraio: per avere un quadro reale basterà attendere la diffusione, come ogni anno, dei dati definitivi, certificati e verificati. Se nel 2015 gli iscritti al Pd erano 395.320, in aumento rispetto al 2014, i dati che provengono dai territori a oggi fanno ritenere che il numero di iscritti nel 2016 sarà tendenzialmente in linea con quello dell'anno precedente".

Fonte: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/12272582/pd--crollo-dei-tesseramenti--guerini--cifre-parziali---.html

7 commenti:

  1. Siete finiti ladri maiali e quant'altro.

    RispondiElimina
  2. Il PD deve caoire quando si deve fermare prima che lo fermino tutti quelli che come me,sono iffesi e arrabbiati!!!!

    RispondiElimina
  3. Il Pd,oramai si è scoperto.Nessuno della sinistra,che riflette bene sul suo operato,lo voterà più.È diventata una forza a tutela delle multinazionali,che lavora contro il lavoratore e contro l'identità nazionale.Si identifica in una realtà multimediale,è sostenuto da multinazionali che vogliono abbassare il tenore di vita europeo cercando di annullare le origini di ogni società occidentale...Per questo è finito...Cambieranno presto nome...vedrete...

    RispondiElimina
  4. DEVO DIRE IN VERITA', CHE NN MI ASPETTAVO AFFATTO CHE COSI' TANTI COGLIONI ANCORA PAGANO LA TESSERA AD UN SISTEMA COSI'CORROTTO FINO AL MIDOLLO, MARCIO DA FARE SCHIFO, PER ANDARE CONTRO I LORO STESSI INTERESSI PERSONALI
    , E FAMIGLIARI!

    RispondiElimina
  5. E CON IL PD CHE DECLINA PAUROSAMENTE NON AGGIUNGIAMO I VARI PEZZENTI DI FORZA ITALIA, NCD, ALA, LEGA NORD, FRATELLI D'ITALIA, REPUBBLICANI,MISSINI, RADICALI, NEOSOCIALISTI, NEOCOMUNISTI, TUTTI RIVERNICIATI ALL'INSEGNA DEL RIFORMISMO BECERO DA OPERETTA ?? CI SONO TUTTI NEL MAGNA-MAGNA MICA VE LO SCORDATE VERO ITALIANI ???

    RispondiElimina