giovedì 23 febbraio 2017

"Attaccate il M5S ma non parlate della merda dei partiti, ma in quale cazzo di paese vivete?"





Brutte notizie per l’Italia sul fronte della libertà di stampa. Nell’annuale classifica di Reporters sans Frontieres il nostro Paese perde quattro posizioni, scendendo dal 73° posto del 2015 al 77° (su un totale di 180 Paesi) del 2016. L’Italia è il fanalino di coda dell’Ue (che è comunque l’area in cui c’è maggiore tutela dei giornalisti), seguita soltanto da Cipro, Grecia e Bulgaria.

Classifica: ecco le prime 10 posizioni (Fonte: rsf.org)


GIORNALISTI NEL MIRINO
Fra i motivi che - secondo l’organizzazione con base in Francia - pesano sul peggioramento, il fatto che «fra i 30 e i 50 giornalisti» sarebbero sotto protezione della polizia per minacce di morte o intimidazioni. Nel rapporto vengono citati anche «procedimenti giudiziari» per i giornalisti che hanno scritto sullo scandalo Vatileaks. I giornalisti in maggiore difficoltà in Italia, dunque, sono quelli che fanno inchieste su corruzione e crimine organizzato

DIETRO BENIN E BURKINA FASO
Per farsi un’idea dell’allarmante situazione italiana basta dare un’occhiata alla classifica: ci precedono Paesi come Tonga, Burkina Faso e Botswana.

11 commenti:

  1. perché dobbiamo aspettare che sia il p d a decidere quando votare ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa si può fare di più di quello che sta succedendo ?

      Elimina
  2. Mi associo, ma non lo hanno ancora capito?

    RispondiElimina
  3. .....il tempo farà aumentare le adesioni e.....I sondaggi..... non ce n'è più per nessuno...amara. ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna continuare la pressione sui vecchi, partiti e uomini.

      Elimina
  4. Al mio Paese quando uno è riconosciuto per aver commesso qualcosa di grave e questo continua imperterrito a dire la sua, la gente gli risponde così: ma ciai pure ancora la lingua per parlare? Ma chiudi quel cesso di bocca!!! La stessa risposta meriterebbe chi nella trasmissione si è scaldato tanto alle parole di Roberto

    RispondiElimina
  5. Bravissimo , bisogna dirgli in faccia che il PD & soci sono solo merda reciclata

    RispondiElimina
  6. Non ricordo il nome di questo impiastro che ha parlato dopo D'Agostino ed ha vomitato balle spaziali, ma da dove viene visto che addirittura vuole i nomi che tutti conoscono?

    RispondiElimina
  7. Questi quattro ciarlatani venduti di giornalisti non si rendono conto che i loro amici hanno le ore contate e poi loro perdono il posto di lavoro si cambia musica e poi uscirà tanta porcherie dei partiti che fa spavento

    RispondiElimina