martedì 3 maggio 2016

VERGOGNA! CACCIATA LA GABANELLI! LA FECCIA MASSONICA CON UN “ESCAMOTAGE” SI VENDICA CON L’UNICA CHE HA SCOPERCHIATO E RESO PUBBLICI I LORO ALTARINI. ECCO TUTTA LA VERITA’



1. LA GRANDE VENDETTA ELKANN-SCOTT JOVANE: FUORI LA GABANELLI DAL ‘’CORRIERE DELLA SERA’’
2. BASTONATI SU RAI3 DA “REPORT” (ACQUISTO RECOLETOS, VENDITA IMMOBILE DI VIA SOLFERINO E FIAT E MARCHIONNE IN FUGA DALL’ITALIA E DAL FISCO), KAKY E ROTOLONE DECIDONO DI CACCIARE LA GABA
3. COME? PROPONENDO UN DRASTICO TAGLIO DEL 75 PER CENTO AL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE CON IL SITO DEL CORRIERE DELLA SERA. MI-JENA, CHE HA CAPITO AL VOLO L’ANTIFONA, ACCETTA LA RIDUZIONE A 55 MILA EURO, E COSTRINGE COSI’ I PARA-GURI DI RCS A RIVELARE IL LORO PIANO DI FARLA FUORI. ALLORA PRECISANO: NON E’ UN TAGLIO “ECONOMICO” BENSI’ UN TAGLIO “EDITORIALE”
4. E COSI’ UN’ALTRA VOCE “SCOMODA” (SCOMODA DAVVERO), IN UN PAESE DOVE LA NOTIZIA E’ ORMAI SCOMPARSA, ESCE DAL PRIMO QUOTIDIANO ITALIANO, E SENZA CHE NESSUNO GRIDI ALLO SCANDALO
1. DAGOREPORT
La verità, vi prego, sulla Gabanelli cacciata dal Corriere della Sera. In via Solferino si racconta che tutto ebbe inizio da due formidabili inchieste di “Report”: la prima scortica vivo Rotolone Scott Jovane sulla svendita del palazzone storico di via Solferino al fondo americano Blackstone.
L’amministratore delegato di Rcs si fida talmente tanto dell’intervista di “Report” – che ha una rubrica fissa sul sito del Corriere “Report-Time” e la Gabanelli come penna appuntita del giornale – che piazza una seconda camera per registrare l’intervista. Ovviamente, a puntata messa in onda, Rotolone s’incazza con Flebuccio De Bortoli, all’epoca direttore, che aveva avuto la bella idea di far collaborare Mi-Jena, una che non fa sconti nemmeno al marito, figuriamoci al suo editore.
Seconda querelle. La bombastica puntata di “Report” sulla Fiat in fuga dall’Italia verso i soliti paradisi fiscali e la situazione fiscale in Svizzera, nel famigerato cantone di Zueg, di Marchionne, capataz della fu fabbrica automobili Torino.
Era chiaro che con la crisi economico-finanziaria che sta portando Rcs a svendere alla Mondadori la Rizzoli Libri, nonchè l’ecatombe di decine di dipendenti tra tipografi e giornalisti (ecco perché hanno nominato direttore l’ex giornalista dell’”Unità” Luciano Fontana, detto “Machete” – in Italia solo gli ex comunisti riescono a licenziare senza troppi casini), la resa dei conti con la Gabanelli era inevitabile.
 Sempre in zona Solferino si racconta che la cacciata della Milena – oggi rivelata da Camilla Conti su “Il Giornale” – è avvenuta in due tempi. Il primo. Senza il coraggio di dirglielo in faccia, Rotolone Scott e il suo dante causa Kaky Elkann pensavano che dietro a una richiesta di taglio del 75 per cento del compenso di 220 mila euro l’anno (somma destinata alla redazione di “Report-Time”), la risposta non poteva che essere: “grazie, ma con 55 mila euro annui, non ce lo possiamo permettere”.
Invece la Gaba – che ha capito al volo l’antifona – rilancia e scrive a Rotolone che la redazione di “Report-Time” accetta il taglio-monstre del 75%. A questo punto il duplex Elkann-Scott  è costretto a venire allo scoperto: e con una seconda letterina annunciano che il taglio non è una valutazione “economica” bensì “editoriale”. Come Gabanelli voleva dimostrare.
PS – Si racconta sempre in via Solferino che “Machete” Fontana voglia salvare la capretta Elkann e i cavoli di Scott Jovane, nonché il rischio di passare alla storia del Corriere come colui che ha avuto il ruolo di Erode nella strage degli innocenti giornalisti, ed abbia proposto alla Gabanelli di continuare a scrivere sul cartaceo.

RCS LICENZIA LA GABANELLI

Camilla Conti per Il Giornale.it

Dal 1997, anno di nascita di Report , Milena Gabanelli ci svela le pieghe dei bilanci di grandi aziende e big della finanza.
Noi siamo andati a vedere il suo. Ovvero quello della società Reporteam , da lei controllata con il 52,56% mentre altri tre colleghi della sua squadra di videogiornalisti (Giovanna Boursier, Sabrina Giannini, Bernardo Iovene) si dividono in parti eguali il resto del capitale.
 L’srl è stata costituita il 5 settembre del 2011 e come oggetto sociale ha la realizzazione di servizi o reportage giornalistici per conto terzi. Non si tratta però delle puntate di Report mandate in onda sulla Rai, con la quale Gabanelli ha un contratto da lavoratrice autonoma.
Ma degli articoli e videoinchieste offerti in esclusiva sul sito internet del Corriere della Sera attraverso il canale Reportime lanciato sempre nell’autunno del 2011. Contenuti originali rimasti fuori dalla trasmissione televisiva, storie che non bastano a riempire una puntata, ma ottime per un tempo di due-tre minuti, materiali d’archivio che la cronaca riporta d’attualità.
«Un esperimento di web tv che trae giovamento dalla grande esperienza e dai grandi successi di Milena, un’evoluzione straordinaria per il Corriere della Sera », gongolava l’allora direttore Ferruccio de Bortoli durante la presentazione del progetto nella Sala Buzzati del quotidiano di via Solferino.
A fine aprile, però, de Bortoli si è dimesso lasciando il posto a Luciano Fontana. E dal bilancio 2014 di Rerporteam ecco che spuntano due righe: «Al momento non sono ancora definiti i contorni esatti del nuovo contratto in favore di Rcs Group Spa per quest’anno». Che l’azienda voglia tagliare anche Milena?
La conferma arriva dalla diretta interessata: «Non c’è stato alcun rinnovo dell’accordo per la pagina Reportime sul Corriere.it , anche accettando tagli drastici», commenta al Giornale senza aggiungere altro. Colpa della pesante cura dimagrante dei costi varata dal gruppo Rcs per ridare fiato ai conti? O, forse, per i vertici del gruppo editoriale guidato da Pietro Scott Jovane è arrivata l’ora di servire il piatto freddo della vendetta?
Nell’aprile dell’anno scorso, infatti, Report mandò in onda un’inchiesta dal titolo emblematico: «La battaglia di Solferino». Una ricostruzione degli errori strategici commessi dal gruppo, a cominciare dall’acquisto della spagnola Recoletos del 2007, che hanno aumentato i debiti e imposto a fine 2013 la vendita al fondo Blackstone la sede storica del Corriere per 30 milioni. Tra molte polemiche sul prezzo e su come è stata gestita l’operazione. E con l’opposizione dichiarata di De Bortoli.
Se il contratto non verrà rinnovato, la Gabanelli (e i freelance che ci lavorano) perderà 220mila euro di fatturato della Reporteam che ha chiuso il 2014 con un utile 7.161 euro accompagnato da 211mila euro di costi per la produzione, di cui 14.412 euro di stipendi. Compreso quello di un nuovo dipendente assunto, proprio per interfacciarsi con la tv e il sito del Corriere sui servizi pubblicati in esclusiva. Chi la conosce, assicura che Milena non ne farà una tragedia e si concentrerà sulle prossime puntate di Report .
 In via Solferino perderanno invece approfondimenti in esclusiva (come l’ultima firmata dalla Gabanelli lo scorso 29 giugno sull’ennesimo aumento di capitale del Monte dei Paschi) e quell’«evoluzione straordinaria» declamata da de Bortoli nel 2011. Sacrificata sull’altare dei risparmi. O, peggio, su quello costr

33 commenti:

  1. Non esiste spazio vitale per la verità, questo ultimo ventennio da punti a quello "storico", emblema del totalitarismo.

    RispondiElimina
  2. Italia bella, sempre più nella m...

    RispondiElimina
  3. Non amica del primo ministro,si rifiuta di leggere i suoi pizzini,dice il vero,quindi va tolta di mezzo,tutto secondo scandaloso copione pd

    RispondiElimina
  4. Non amica del primo ministro,si rifiuta di leggere i suoi pizzini,dice il vero,quindi va tolta di mezzo,tutto secondo scandaloso copione pd

    RispondiElimina
  5. Scusate ma la Gabbanelli quando risarcira' DiPietro per il falso scoop del 2013 che lancio il M5S?... IDV perse il 90% degli elettori per un falso scoop di cui la signora non si e' mai scusata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... sei proprio sicuro "Unknouwn" .. che fosse falso ... ??? "QUARTO POTERE" ... !!!

      Elimina
    2. Ricorda che la Gabanelli non ha mai perso una causa se non ha chiesto scusa è perché era nel giusto perché con chi ha dovuto farlo l'ha fatto..e che il marciume che abbiamo al governo l'ha fatta fuori proprio perché quando apre boca non vende fumo..tu stai solo cercando di infangarla.

      Elimina
    3. Ricorda che la Gabanelli non ha mai perso una causa se non ha chiesto scusa è perché era nel giusto perché con chi ha dovuto farlo l'ha fatto..e che il marciume che abbiamo al governo l'ha fatta fuori proprio perché quando apre boca non vende fumo..tu stai solo cercando di infangarla.

      Elimina
    4. quando smuovi la cacca viene sempre a galla uno stro... vero?

      Elimina
    5. L'informazione è manipolata, e la Gabanelli non fa eccezione. Non perde le cause perché i suoi avvocati transano prima... non a caso si è parlato (poco) del "metodo Gabanelli" per i suoi falsi scoop. Vedi Tosi, Italpreziosi ed armi...

      Elimina
  6. ... "QUARTO POTERE"... sempre più attuale ... !!! ... italiota, .. questo ti meriti, questa è la tua medaglia ... !!!

    RispondiElimina
  7. Che schifo....una delle poche giornaliste che stimavo.
    Lo sapevo che prima o poi succedeva....solo perche fa giornalismo onesto..
    Gabianelli una di noi...

    RispondiElimina
  8. Mi dispiace tanto l'ho sempre stimata per le sue capacità la sua onesta ma c'era d'aspetarselomi dispiace che nessuno dei colleghi che si ritengono intelligenti non abbia mosso un dito per lei..ma nella vita tutto torna e non troppo e non sarà molto lontano.

    RispondiElimina
  9. Una brava giornalista che ha fatto inchieste veritiere, una giornalista coraggiosa, vergogna PD

    RispondiElimina
  10. Notizia di quasi un anno fa..ma tranquilli...continuate a credere a tutte le cazzate che girano sul web targate Grillo

    RispondiElimina
  11. Notizia di quasi un anno fa..ma tranquilli...continuate a credere a tutte le cazzate che girano sul web targate Grillo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://video.corriere.it/banche-popolari-vera-storia-fallimento/91e1c122-fe5e-11e5-9678-8403d0d80f1f
      Uno degli ultimi video risale a meno di un mese fa....forse un anno fa ti riferivi a qualche altra notizia?

      Elimina
  12. Qualcuno con le capacità deve organizzare una raccolta v fondi per creare una TV con a capo la Gabanelli io sarei il primo ad intervenire per finanziaria a condizione che possa parlare anche io e partecipare alla pulizia da questi sporchi lobbisti

    RispondiElimina
  13. Votavo PC, poi PDS e adesso PD; alle prossime mi resta solo il 5 stelle sic!

    RispondiElimina
  14. Ora si può chiudere la RAI, con quale faccia chiedono il canone agli italiani, se pio fanno uso e consumo proprio, VERGOGNATEVIIII, non ascoltiamo più la RAI per un periodo per protesta così si abbassano gli ascolti.

    RispondiElimina
  15. Fa comodo a tutti i disonesti averla cacciata, perché non vogliono sentire la verita'.
    Ma ci rendiamo conto che siamo in piena dittatura?

    RispondiElimina
  16. Siccome la GABA é l'amica di tutti ,invece di fare tante chiacchiere, come é solito degli italiani, perché non stabiliamo di incontrarci "scasualmente" sotto al corriere e glie ne cantiamo quattro?

    RispondiElimina
  17. http://www.newsly.it/milena-gabanelli-licenzata-dalla-rai-ma-e-una-bufala
    Più due articoli del 18.7.2015:
    http://www.huffingtonpost.it/2015/07/18/milena-gabanelli-corriere-della-sera_n_7823358.html
    http://www.gadlerner.it/2015/07/18/il-corriere-non-rinnova-il-contratto-con-milena-gabanelli
    Anche se forse degli attriti fra la Gabanelli e la Bignardi ci sono sul serio. La Bignardi per ora li ha smentiti.

    RispondiElimina
  18. ancora una volta ci mostrano come non conta il merito la bravura ma conta solo da che parte stai non so che futuro vogliono darci non so cosa dire uniamo le idee x vincere le prossime elezioni indossiamo tutti una maglietta a 5 stelle forse servirà a far vedere che siamo in tanti a voler cambiare sto paese

    RispondiElimina
  19. ancora una volta ci mostrano come non conta il merito la bravura ma conta solo da che parte stai non so che futuro vogliono darci non so cosa dire uniamo le idee x vincere le prossime elezioni indossiamo tutti una maglietta a 5 stelle forse servirà a far vedere che siamo in tanti a voler cambiare sto paese

    RispondiElimina
  20. ma chi ancora legge il corriere o repubblica oppure maglio ancora l unità ?
    prego leggete solo giornali liberi

    RispondiElimina
  21. Lo scandalo è che altri giornali non si stiano precipitando a garantirsi la collaborazione della Gabanelli... una giornalista del genere avrebbero dovuto fare a botte per contendersela.
    Ma è quello che ci meritiamo per le scelte "cretine" che facciamo ogni giorno comprando giornali filo governativi.

    RispondiElimina
  22. esatto basta nn connettersi cambiare canale nn comprare certa carta e il potere glielo togliamo ke gusto ce a leggere notizie manipolate mezze verita ect-....,...!?

    RispondiElimina