martedì 16 maggio 2017

SE TUTTI CONDIVIDIAMO QUESTE INTERCETTAZIONI CHOC TRA RENZI E SUO PADRE, FACCIAMO SCOPPIARE LO SCANDALO.

Le intercettazioni delle telefonate tra l'ex premier e il padre alla vigilia dell'interrogatorio sull'inchiesta Consip pubblicate dal Fatto. Tiziano nega la cena con Alfredo Romeo in un ristorante, "ma potrei averlo incontrato al bar". Il segretario del Pd su Facebook: "Le intercettazioni ribadiscono la mia serietà"

ROMA - "Non dire bugie, non ti credo. Hai visto Romeo una o più volte?". La telefonata tra Matteo Renzi e il padre Tiziano, indagato nell'ambito dell'inchiesta Consip, è del 2 marzo 2017. Il giorno successivo Tiziano Renzi sarà interrogato dai giudici romani. È l'anticipazione del Fatto Quotidiano contenuta nel nuovo libro di Marco Lillo Di padre in figlio. L'ex premier ha subito risposto con un lungo post sulla sua pagina Facebook: "Nel merito queste intercettazioni ribadiscono la mia serietà visto che quando scoppia lo scandalo Consip chiamo mio padre per dirgli: 'Babbo, questo non è un gioco, devi dire la verità, solo la verità'".

L'intervista di Mazzei a Repubblica. In quella telefonata, intercettata dai pm, l'ex premier incalza il babbo: dopo aver letto su Repubblica l'intervista ad Alfredo Mazzei (nella quale si parlava della cena a tre tra Tiziano Renzi, Alfredo Romeo e Carlo Russo, la "cena nella bettola") decide di chiamarlo: "Devi dire tutta la verità ai magistrati, non puoi dire che non conosci Mazzei perché è l'unico che conosco anche io". L'ex premier appare molto preoccupato dall'interrogatorio al quale il padre sarà sottoposto e gli intima: "Devi ricordarti tutti i nomi e tutti i luoghi, non è più la questione della Madonnina e del giro di merda di Firenze per Medjugorie".

"Non dire di mamma". Si raccomanda poi di non dire che a un ricevimento con alcuni imprenditori era presente anche sua madre, Laura Bovoli: "Non dire di mamma, se no la interrogano".

La risposta vaga di Tiziano. Poi il segretario del Pd arriva al dunque: "È vero che hai fatto una cena con Romeo?". La risposta del padre non sarebbe stata netta: Tiziano nega una cena al ristorante (la "bettola" dell'intervista di Repubblica), ma non lo è altrettanto su un possibile incontro con l'imprenditore campano in un bar. Matteo lo incalza e gli manifesta la sua sfiducia: "Non ti credo e devi immaginarti cosa può pensare il magistrato. Non è credibile che non ricordi di avere incontrato uno come Romeo, noto a tutti e legato a Rutelli e Bocchino". Il padre esita, dice di non ricordare, cita un convegno al Four Season con esponenti del mondo delle imprese ai tempi delle primarie di fine 2012 contro Bersani.

Fosche previsioni. Il segretario Pd conclude con amarezza: "Andrai a processo, ci vorranno tre anni e io lascerò le primarie". E, prima di chiudere la telefonata, ribadisce: "Non puoi dire bugie, devi dire se hai incontrato Romeo una o più volte e devi riferire tutto quello che vi siete detti. Devi ricordarti che non è un gioco".

Fonte: http://www.repubblica.it/politica/2017/05/16/news/consip_telefonata_renzi_padre-165553605/


Nessun commento:

Posta un commento