mercoledì 3 maggio 2017

MINISTRA FEDELI, LA BOMBA LE SCOPPIA IN MANO: ECCO LA PROF CON LE PALLE CHE LE FARA’ CAUSA

La bomba dei professori trasferiti dall’altra parte d’Italia sta per scoppiare in mano alla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli. A farla esplodere potrebbe essere Giovanna Giorgino, 54 anni docente di diritto costretta a lasciare Taranto per insegnare a Sesto San Giovanni. Intervistata dal Giorno, la prof si fa i conti in tasca e spiega come l’algoritmo del Miur le abbia rovinato la vita. Per questo, dice, è disposta a fare causa al Ministero per ottenere un risarcimento.
“Sarò a Sesto per i prossimi tre anni. Ma non ho mai pensato di non andarci e non ho fatto un giorno di assenza. Ma per lavorare devo stare lontana dalla mia famiglia e con i soldi, praticamente, ci rimetto”. Via coi numeri: “Ho una casa in affitto e spendo 400 euro al mese. Per scendere a Taranto spendo 150 euro a settimana di treno e lo devo fare tutte le settimane perché le mie figlie hanno solo 11 e 12 anni. Poi devo mangiare, almeno una volta al giorno! Lo stipendio è di 1.480 euro, faccia lei i conti Almeno il ministero facesse una convenzione con Trenitalia per farci pagare di meno i viaggi che incidono molto”.
La causa di tutto è l’algoritmo che l’ha spedita al Nord, sottolinea, senza leggere le mie preferenze. “A parte Taranto avevo indicato Brindisi, Bari, Lecce, Matera, Napoli e come ultima Milano”. “Ci sono diversi insegnanti che conosco – rivela – che hanno meno punti di me e sono in una scuola sotto casa loro”. La professoressa ha un sospetto: “Non ho prove, ma so che chi non ha presentato la domanda di mobilità ha avuto dal sistema la mobilità di ufficio, a punti zero. A loro è andata meglio, sono rimasti a Taranto i docenti soprannumerari”. Un errore, continua, a cui il Ministero non avrebbe rimediato nemmeno tramite conciliazione. “So che alcune risposte sono state date a insegnanti delle elementari del Sud trasferiti a Milano. Hanno ottenuto Venezia…”. Per ora, la docente ha fatto ricorso al giudice del lavoro di Taranto (respinto per competenza territoriale di Monza), ma non finisce qua. “In forza della sentenza del Tar che obbliga a rendere pubblico l’algoritmo, ripresenterò la mia istanza. E sono certa che verrà accolta, perché si capiranno senza possibilità di dubbio gli errori del ministero”.
Per l’anno prossimo il problema però si riproporrà con i trasferimenti 2017/18 da decidere tra un mese. La soluzione, conclude, è “conoscere prima della mobilità che faremo ad aprile i parametri dati e aumentare la percentuale riservata a chi come me è andato fuori regione. Ho vinto il concorso regionale, in Campania, nel 1999 Se avessi voluto andare in Lombardia avrei fatto diversamente e sarei dentro la scuola da vent’anni”.

FONTE
LIBERO

Photo by fabiolopiccolo:

5 commenti:

  1. E' impossibile commentare una situazione così surreale, io mi vergogno di essere italiana, per fortuna io non ho votato nessuno di loro e direi che la loro prepotenza e quasi un colpo di stato, abbiamo un governo sicuramente non votato o scelto da noi cittadini, che dovremmo essere molto più numerosi dei nostri politici comprendendo anche parenti amici comprati ecc ecc , mi resta ssempre il dubbio come mai ci sono sempre gli stessi che a mio parere ritengo che oltre il 50 per cento degli italiani non ha MAI VOTATO

    RispondiElimina
  2. dove lavoravo i trasferimenti venivano comunicati il venerdì per il lunedì dovevi accettare altrimenti ti facevano firmare le dimissioni

    RispondiElimina
  3. dove lavoravo i trasferimenti venivano comunicati il venerdì per il lunedì dovevi accettare altrimenti ti facevano firmare le dimissioni

    RispondiElimina
  4. Possibile chiedere ai famigliari dei politici perché insegnano sotto casa dove sono i Giudici? quanti voti hai.....cosi ti favoriscono,

    RispondiElimina
  5. Sembra che la logica del buon 'padre di Famiglia' sia stata sostituita dalla 'defienza cerebrale' dei politici PD.
    Fateci votare per mandarli via...

    RispondiElimina