martedì 25 luglio 2017

L'HANNO BECCATO! TIMBRAVA E ANDAVA VIA. GUARDATE CHI HANNO ARRESTATO..

Il gip del tribunale di Tivoli Alberto Caperna parla senza mezzi termini di «modalità d'azione gravi e obiettivamente allarmanti, soprattutto perché poste in essere con assoluta sfrontatezza». Il destinatario di queste considerazioni inserite nell'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari è il comandante della polizia municipale di Fonte Nuova, sulla Nomentana, Carlo Rinaudo, al quale il provvedimento è stato notificato ieri mattina dai carabinieri della compagnia di Monterotondo. 

L'ufficiale dei vigili urbani, di 63 anni, già in forza a Mentana, è accusato di truffa ai danni dello Stato, peculato falsità di pubblico ufficiale in atti pubblici. Un furbetto in divisa - secondo i carabinieri - incastrato inizialmente da un servizio de «Le Iene» andato in onda nell'autunno scorso: per un mese circa il comandante, un maggiore, responsabile dal 2012 degli uffici di via Machiavelli (con un reddito attorno ai 40 mila euro all'anno), è stato seguito con le telecamere durante gli spostamenti dalla sua abitazione alla sede dei vigili - anche quella distaccata nella frazione di Santa Lucia -, nonché in altre situazioni segnalate con una denuncia anonima giunta nella redazione della trasmissione di Italia Uno: Rinaudo è stato ripreso mentre, dopo aver timbrato di pomeriggio l'entrata con il badge si servizio, usciva subito dagli uffici per recarsi a casa dove rimaneva fino a sera quando si ripresentava al lavoro ma solo per timbrare l'uscita. (Continua su Corriere.it

4 commenti:

  1. Bastardo! E io pago!!! dovrebbero azzerargli anche i versamenti INPS! la pensione ? In uno ospizio adatto a tutti coloro analogamente hanno campato alle ns spalle! Miserabili fannulloni.

    RispondiElimina
  2. CHI FA QUESTE COSE,SEGNO CHE NON HA BISOGNO DI LAVORARE ,OPPURE NON SERVE PERCHE E IN PIU,ALLORA VA MANDATO VIA SUBITO,E RIMPIAZZATO CON UN ALTRO CHE HA BISOGNO DI LAVORARE,E FARLE RIDARE INDIETRO TUTTO QUELLO CHE A LUI NON ASPETTAVA PERCHE NON LAVORAVA,E SE POSSIBILE ANCHE PRENDERLO A PEDATE NEL CULO,E PORTARLO IN GALERA QUEL MENTECATTO,QUESTE COSE SUCCEDONO PERCHE IL GOVERNO NON ESISTE ,X PRENDERE DATE DECISIONI,PERCHE FA ANCORA PEGGIO.RUBA IN ALTRE MANIERE ,MA E SEMPRE LA STESSA COSA,RAZZACCIA DI DELINQUENTI,POI MANCANO I SOLDI,CON TUTTI I PRIVILEGI CHE HANNO ,E CON QUELLO CHE PRENDONO DI PAGA,E CON QUELLI CHE TIMBRANO IL CARTELLINO E VANNO VIA;FATE IL CONTO DI QUANTO COSTANO QUESTI SFRUTTATORI DI SITUAZIONI MASSA DI DELINQUENTI,CHE FATE LE LEGGI ,SOLO PER PARARVI IL CULO,CILINDRI FECALI.

    RispondiElimina
  3. UN FIGLIO DI PUTTANA,DA GIUSTIZIARE IN PIAZZA. IMPICCAGIONE !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Dovrebbero fargli rimborsare tutti i soldi che ha rubato fino a ora più gli interessi, licenziarlo subito e togliere i versamenti segnati in busta paga di tutto questo tempo e poi che vada in qualche agenzia interinale a cercare lavoro. Queste sarebbero le giuste punizioni.

    RispondiElimina