martedì 25 luglio 2017

BARCA DI LUSSO, VILLA, CONTANTI E BELLA VITA: CONDANNATO GENERALE DELLA FINANZA. UNO DI QUELLI CHE MANDA IN FALLIMENTO CHI LAVORA PER UNO SCONTRINO O PER UNA FATTURA COMPILATA MALE

VENEZIA – Un vorticoso “giro” di denaro in contante, utilizzato per l’acquisto di immobili, ma anche di una lussuosa imbarcazione del costo di 450mila euro (poi rivenduta); il tutto gestito attraverso prestanomi, che in alcuni casi erano ufficiali e sottufficiali delle Fiamme Gialle, suoi stretti collaboratori.
Dalle carte depositate al processo Mose, che si aprirà il prossimo 22 ottobre, emergono nuovi ed incredibili particolari sull’attività del generale della Guardia di Finanza Emilio Spaziante, ora in pensione, già comandante interregionale dell’Italia centrale, e all’epoca ad un passo dal diventare comandante generale delle Fiamme Gialle.
Fatto arrestare il 4 giugno del 2014 dai pm Stefano Ancilotto e Stefano Buccini per aver fornito informazioni riservate sull’inchiesta al presidente del Consorzio Venezia Nuova, Giovanni Mazzacurati, in cambio di 500mila euro e la promessa di altri due milioni, ha già patteggiato 4 anni di reclusione, subendo la confisca di 4 milioni di euro. L’inchiesta a suo carico, iniziata a Venezia, è poi proseguita per competenza territoriale a Milano, dove si sta valutando la posizione dei suoi sottoposti che si prestarono a fargli da prestanome…

8 commenti:

  1. QUESTO FARABUTTO,VA FUCILATO !!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insieme a tutti i complici ed insieme a chi si presta a finanziare questi mafiosi, tutti al muro

      Elimina
  2. Italia Marcia da ogni" angolatura. Resettare il sistema. Non se ne pò più...

    RispondiElimina
  3. Questo ladro farabutto, oltre alla condanna per vari reati, dovrebbe fare il carcere, come è prescritto a tanta gente che rispetto al Gen.E Spaziante sono persone oneste. Ma la cosa più importante è quella di requisire tutto quello a lui intestato e alla sua famiglia, allo scopo di risarcire gli Italiani da questo losco e disonesto uomo.

    RispondiElimina
  4. e bravo il maiale.....ne ho conosciuto uno personalmente ma con me gli è andata male ed e stato condannato ecco i maiali delle fiamme gialle fanno vergognare quelli con la divisa che fanno il loro lavoro onestamente e ce ne sono....

    RispondiElimina
  5. Lasciamolo in mutande...... bucate possibilmente.

    RispondiElimina
  6. Le leggi inaspriscono le pene e c'è Chi gode su queste.

    RispondiElimina
  7. Sono persone che pensano sempre di farla franca a scapito della povera gente. Non ritengo giusto il patteggiamento. Ritengo più appropriato il carcere, la confisca dei beni della famiglia e la pensione che non merita.

    RispondiElimina