giovedì 9 giugno 2016

I commercianti fischiano Renzi e lo massacrano sugli 80 euro: la grande accusa




Fischi e contestazioni all’assemblea di Confcommercio per il presidente del consiglio, Matteo Renzi. Al suo arrivo all’Auditorium della Conciliazione, Renzi è stato accolto dagli applausi e da qualche fischio. Nel corso del suo intervento, però, il confronto si è fatto più serrato: "Cominciate a tagliare i vostri stipendi", è stato il grido che si è levato dalla platea: "Sono d’accordo su questo. Io
percepisco 5 mila euro netti al mese...", è stata la risposta del premier.
Gli ottanta euro - I fischi, però, non si sono placati e, anzi, hanno sottolineato il passaggio sugli ottanta euro: "Non mi spaventa la discussione. Figuratevi...ho fatto l’arbitro in Garfagnana...". Renzi in particolare ha rivendicato la scelta degli ottanta euro con forsa: "Se una famiglia ha mangiato una pizza in più o si è comprata uno zainetto io sono contento". Il clima si è rassegnato solo al termine dell’assemblea quando, mentre guadagnava l’uscita, i commercianti di Padova, protagonisti della rimostranza, sono scesi a fare il selfie ormai di rito e a consegnargli la maglietta con su scritto: "Più coraggio, meno tasse".

FONTE: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11917764/confcommercio-matteo-renzi-contestazioni-ottanta-euro-.html

1 commento:

  1. È un grande fanfarone ma piano piano lo stanno conoscendo tutti.

    RispondiElimina