sabato 18 giugno 2016

Il Movimento 5 Stelle dona dei defibrillatori a tre scuole. Gli istituti rifiutano e il perchè è vergognoso


Il dono in un primo momento era parso più che gradito: tre defibrillatori destinati a tre scuole di Castelfranco di Sotto (Pisa). Il mittente: i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che avevano devoluto i loro gettoni per l'acquisto delle strumentazioni. Ma - come scrive oggi il Corriere della Sera - gli istituti sono stati costretti a rifiutare la generosa donazione.

Il problema è che insieme a quelle macchine salvacuore , le scuole avrebbero dovuto accettare anche i cartelli esplicativi con il logo M5s. E così, dopo aver tentato di trovare un compromesso (defibrillatori senza logo) le tre scuole hanno respinto la donazione perché, da regolamento, è impossibile far entrare in classe simboli politici.
Della vicenda parla anche il Tirreno, spiegando le posizioni dei consiglieri regionali M5s che hanno difeso la scelta di accompagnare il dono con il loro pannello informativo.

«È una posizione legittima e ci scusiamo se da parte nostra è mancata l'informazione, però ci sono anche scuole che hanno accettato il defibrillatore così com'è. Il simbolo serve per dire che il movimento fa quel che dice: vorremmo piuttosto che anche altri partiti ci seguissero. È comunque un pannello informativo: non è possibile consegnare l'apparecchio senza il cartello».

fonte: http://www.huffingtonpost.it/2016/06/18/m5s-defibrillatori-scuola_n_10542694.html

31 commenti:

  1. sono da dununcia,questi dirigenti scolastici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono all'altezza del loro incarico

      Elimina
    2. questo denota che sono stati assunti non per meriti ma perché ottimi lecca piedi 💪💪🌟🌟🌟🌟🌟

      Elimina
  2. Chissà chissà da che parte pende l'ignoranza politica del consiglio d'istituto..... Meglio villi servi, che salvare la vita di un bimbo senza bandiera!!!

    RispondiElimina
  3. Chissà chissà da che parte pende l'ignoranza politica del consiglio d'istituto..... Meglio villi servi, che salvare la vita di un bimbo senza bandiera!!!

    RispondiElimina
  4. Più che altro ci vorrebbe una linea comune da parte delle scuole. Da un lato un'apparecchiatura di vitale importanza, dall'altro un aspetto puramente formale che prende il sopravvento di fronte ad un problema di sicurezza. Questo è un paradosso che solo dirigenti coscienziosi e responsabili dovrebbero risolvere. Purtroppo l'Italia vive molto di queste cose. Speriamo che il vento possa cambiare anche in questa direzione.

    RispondiElimina
  5. Ragazziii nelle scuole non possono entrare simboli di nessun partito da regolamento. Anche se sotto elezioni li andavo a rubare dal cassetto del bidello e li buttavo nel WC, e comunque "non ci dovrebbe essere libretto di istruzioni", il personale e i docenti dovrebbero saperlo usarlo. GRAZIE SEMPRE DELLA VOSTRA ONESTÀ E CORRETTEZZA.

    RispondiElimina
  6. Ragazziii nelle scuole non possono entrare simboli di nessun partito da regolamento. Anche se sotto elezioni li andavo a rubare dal cassetto del bidello e li buttavo nel WC, e comunque "non ci dovrebbe essere libretto di istruzioni", il personale e i docenti dovrebbero saperlo usarlo. GRAZIE SEMPRE DELLA VOSTRA ONESTÀ E CORRETTEZZA.

    RispondiElimina
  7. Ragazzi, a parere mio non dovevate insistere a conservare il logo. La donazione andava fatta tranquillamente anche senza il logo. Il M5S non ha bisogno di "mostrare".... Dateglieli ugualmente, anche in anonimato.

    RispondiElimina
  8. Mi viene da pensare una cosa. A prescindere dal fatto che non avrei usato il loro per sponsorizzare o per le motivazioni date; ma una domanda mi sorge spontanea: togliere i crocifissi per le altre religioni (senza batter ciglio) si, mentre pensare ad accettare anche senza il logo, no.
    Mah.

    RispondiElimina
  9. Chissà se con il logo PD li avessero accettati.
    A pensar male si sbaglia, ma quasi sempre ci si azzecca.

    RispondiElimina
  10. speriamo a un infartino aI RESPONSABILI PEZZI DI MERDA

    RispondiElimina
  11. Che cavolata! Anche la mia azienda ha acquistato un defibrillatore a disposizione della comunità, ma sopra mica c'è il nostro logo. Se lo fai per i bambini, che ti serve metterci un simbolo politico?

    RispondiElimina
  12. Che cavolata! Anche la mia azienda ha acquistato un defibrillatore a disposizione della comunità, ma sopra mica c'è il nostro logo. Se lo fai per i bambini, che ti serve metterci un simbolo politico?

    RispondiElimina
  13. È una vergogna non ci sono altre parole

    RispondiElimina
  14. È una vergogna non ci sono altre parole

    RispondiElimina
  15. Hahahaha nella scuola dove ho insegnato fino all'8 giugno, a Santa Maria Capua Vetere, la preside ha fatto candidare un collega ed ha chiesto a tutti gli insegnati residenti di votarlo adducendo che è necessario un rappresentante politico al comune...ah...naturalmente è un candidato del PD! poi ci scandalizziamo per il pannelo con scritto Donato dsl M5S???

    RispondiElimina
  16. Il logo poteva essere tolto, come hano piegato i consiglieri del M5S. Ma evidentemente qualcuno nell'istituto la pensa in maniera politicamente diversa.

    RispondiElimina
  17. Perché non intervengono i genitori.

    RispondiElimina
  18. UN CONSIGLIO D'ISTITUTO CHE RICEVE UNA DONAZIONE DI UN QUALCOSA CHE LO STATO NON PUO' PROVVEDERE MA E' UTILE E TALVOLTA INDISPENSABILE, DOVREBBE, A PRESCINDERE DA CHI LA DONA, EFFETTUARE UN ATTO DI UMILE RICONOSCENZA RINGRAZIANDO PUBBLICAMENTE IL MITTENTE, TRATTANDOSI DI UNA SCUOLA SAREBBE CIVICAMENTE ISTRUTTIVO...... sarebbe come lanciare un'esortazione ad imitare il gesto!!!! A SCUSATE, PROPRIO QUESTO E' IL PUNTO DOLENTE..... IL GESTO SAREBBE TROPPO ....... PER LA SERIE " CHE POLITICA VUOI?" .....; E' desolante sapere la risposta....

    RispondiElimina
  19. Vedo che il primo pensiero è andato ai ragazzi..salvavita...questi dirigenti saranno sterili se hanno pensato senza cuore!

    RispondiElimina
  20. Fate dei commenti veramente ignobili, a voi non frega niente della salute dei ragazzi, a voi interessa solo un logo del cavolo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh no, il logo poteva essere tolto, ma la scelta di non accettare a prescindere che viene contestata... comunque, il defribillatore è utile più per eventuali malori del personale scuola che per i ragazzi... un arresto cardiaco ad un bambino/adolescente è rarissimo e troppo spesso senza soluzione...

      Elimina
    2. Perché in ospedale pubblico le donazioni possono avere un logo in una scuola no? Chissà....

      Elimina
    3. Perché in ospedale pubblico le donazioni possono avere un logo in una scuola no? Chissà....

      Elimina
  21. Ma dai posso capire un cartello piantato davanti la scuola ma un defibrillatore credo e spero non venga mai usato. Quindi dovevano accettarlo per la sicurezza dei ragazzi pensando che in altri istituti quando è servito non c'era. Aprite sto cervello per favoreeeee

    RispondiElimina
  22. strano, predicate onestà, poi non rispettate le regole più elementari... un simbolo politico non può entrare nella scuola. punto.
    se proprio ci tenete, la beneficenza fatela senza logo.

    RispondiElimina