domenica 19 giugno 2016

++ULTIM'ORA++ Esponente del PD finisce alla sbarra. L'accusa è di truffa.

Due, ma solo per la sua veste professionale e non politica, sono i dossier a carico di un consigliere comunale e due rimarranno. Lo ha stabilito ieri con una ordinanza il giudice Claudio Emanuele Bencivinni che è stato chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di riunire due fascicoli processuali che sono stati istruiti nei confronti dell' ex capogruppo del Pd in consiglio Comunale, Angelo Scalia (difeso dall' avvocato Walter Tesauro) che è stato tirato in ballo, ma non da solo, in un caso l'ipotesi di truffa e in un altro procedimento per ingresso abusivo nel fondo altrui e danneggiamento aggravato.
Contestazione, quest' ultima, che condivideva con un imprenditore edile il cui nome, però, forzatamente è stato accantonato perché adesso, ancor prima dell' apertura dell' istruttoria, è deceduto in un incidente. Così ha deciso ieri il giudice che, tra le righe, avrebbe ritenuto che se i fatti si collegano allo stesso luogo fisico, le situazioni sono assolutamente differenti e non avrebbero alcun nesso tra loro.  La decisione, al centro di una ordinanza, di mantenere i procedimenti da celebrare ha di fatto separato le due questioni.

fonte: http://caltanissetta.gds.it/2016/06/18/accusato-di-truffa-e-danneggiamento-consigliere-alla-sbarra-a-caltanissetta_527774/?utm_source=immediafeed

1 commento:

  1. bisogna urgentemente martellare tutti quelli che oggi vanno a votare e far si chi si ricordino di chi sta amministrando ladri corrotti mazzettari e incapaci parlo dei pduini.

    RispondiElimina