venerdì 23 giugno 2017

Celentano difende Raggi: "I partiti la temono perché pensano che farà un miracolo a Roma"

"Tra un po' si andrà a votare e io sono preoccupato". Esordisce così Adriano Celentano sul suo blog, con uno sfogo politico che va dall'endorsement alla sindaca di Roma, Virginia Raggi al caso di Ester Pasqualoni, l'oncologa accoltellata a morte davanti all'ospedale Val Vibrata di Sant'Omero, in provincia di Teramo, da uno stalker che da tempo la perseguitava. Il molleggiato traccia un quadro generale della politica "allo sbando". Non a caso il titolo del suo intervento sul blog è proprio 'Sbando'.
"I partiti hanno smarrito la strada - scrive Celentano - Non sanno dove prendere i voti. Le banche si fanno prestare i soldi dai piccoli risparmiatori e poi non glieli restituiscono più. Gli arrampicatori pretendono che Virginia Raggi, in quattro e quattr’otto, risollevi Roma dalle macerie prodotte dai governi precedenti. O forse, è proprio quello che temono: che sia lei, l’unica in grado di realizzare il miracolo. Fatto sta che il mondo politico è allo sbando, e forse qualche sbandamento l’ha avuto anche il capo della polizia visto che ha dichiarato che l’orribile delitto ai danni dell’oncologa rappresenta una vera e propria sconfitta per le istituzioni. La povera Ester viveva in uno stato di angoscia insostenibile, perseguitata da mesi giorno e notte, a niente sono servite le continue denunce alle forze dell’ordine sistematicamente archiviate perché 'purtroppo' la donna era ancora 'viva'".
"Ma ora che lei non c’è più - prosegue il cantante - finalmente la polizia potrà muoversi senza alcun indugio in modo seriamente determinante. Mi domando se l’evidente sconquasso della politica non sia dovuto al fatto che i governi, una volta raggiunto il 'potere sognato', non pensino altro che alla loro vanagloria anziché dare la priorità all’unica cosa davvero essenziale. La certezza della pena. A cosa serve la crescita, il posto assicurato se poi, finita la giornata lavorativa, esci e ti uccidono? E a cosa serve il posto di lavoro se poi gli stessi lavoratori (in tutti i settori) non eseguono con coscienza il loro lavoro? Non è l’articolo 18 che difende i lavoratori. Semmai è proprio il '18' a creare una vera e propria schiera di scellerati. Perché i tanto vituperati padroni dovrebbero licenziare qualcuno se questo qualcuno fa il proprio dovere con coscienza? Non è vero che l’esempio viene dall’alto. L’esempio, quello vero, in grado di correggere anche quelli in alto, viene dal basso", conclude Celentano.

Fonte: http://www.adnkronos.com/fatti/politica/2017/06/23/politica-celentano-sul-blog-tra-difesa-raggi-caso-oncologa-teramo_ZKlj7l1d6h8fkygPuB1CfO.html

13 commenti:

  1. Si, l'esempio viene dal basso, ma proprio per questo motivo che rimane inascoltato e il popolo continuerà a subire l'arroganza di chi dovrebbe difenderlo...

    RispondiElimina
  2. Adriano ci hanno tolto ogni diritto ... e non per migliorare la nostra vita ma per peggiorarla ... in tutti i campi ... sanità lavoro pensioni sicurezza ecc... la maggior parte dei lavoratori la fa il suo dovere ... eccome!
    Per Roma ti do ragione ... Virginia sta seguendo la strada giusta ed è continuamente silurata da chi non ama Roma

    RispondiElimina
  3. Adriano ci hanno tolto ogni diritto ... e non per migliorare la nostra vita ma per peggiorarla ... in tutti i campi ... sanità lavoro pensioni sicurezza ecc... la maggior parte dei lavoratori la fa il suo dovere ... eccome!
    Per Roma ti do ragione ... Virginia sta seguendo la strada giusta ed è continuamente silurata da chi non ama Roma

    RispondiElimina
  4. Continueranno a massacrarla in ogni attività ma Virginia è una donna forte che sa il fatto suo e ne uscirà a testa alta contro tutti quelli che vorrebbero vederla abdicare..!

    RispondiElimina
  5. Virginia va protetta! Ho paura per lei.

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo questa volta con Celentano. In special modo sull'articolo 18. Io che ho 14 dipendenti non mi sognerò mai di maltrattare un dipendente che mi consente di lavorare bene. Piuttosto ne ho avuti in passato di veri e propri deficienti che si trinceravano dietro il sindacato ma che non meritavano di ricevere di avere un lavoro.
    Anche sulla sindaca Raggi mi trova perfettamente d'accordo.
    Peccato che il suo discorso non abbia toccato il tema dell'immigrazione, sarei curioso di sapere cosa ne pensa e come penserebbe lui di risolverlo.

    RispondiElimina
  7. caro adriano,la nostra generazione ne ha subite molte,almeno prima esisteva destra e sinistra ora pur di avere il potere esempio berlusconi,hanno cancellato una ideologia mischiandosi.io penso che lavorare bene per il bene del paese non ha importanza se si è d o s .i 5s hanno ragione io voto 5 s w il movimento in galera tutti i vecchi politici che hanno portato la nostra nazione in queste condizioni.

    RispondiElimina
  8. per quando riguarda la raggi sono certo che riuscirà nell impresa intanto non ha creato debiti non ha preso un euro agli italianio i lavori si cominciano a vedere .la finissero di interessarsi alla raggi e cominciassero a fare qualcosa per uscire da questa corruzzione europea w il m5s

    RispondiElimina
  9. cari italiani,forse lo saremo ancora per poco visto che i cosiddetti emigranti diventeranno loro i veri italiani e noi, senza il permesso di soggiorno, ci butteranno in mare.Virginia sta facendo del suo meglio ma non mi sembra che abbia gli appoggi che dovrebbe, combattere da sola una battaglia contro chi fa solo i propri comodi, la roma mafiosa,i cui capi sappiamo esattamente chi sono e dove governano,le elezioni "anticipate", anticipate? ma da quando tempo non andiamo a votare, da napolitano presidente? abbiamo avuto finora dei capi di governo,copia e incolla, non eletti da alcuno del popolo italiano. sono schifato da tutto questo. come adriano ci vorrebbe la voce di tanti altri.

    RispondiElimina
  10. CE NE FOSSERO DI ADRIANO PENSANO TUTTI ALLA POLTRONA POI D'INCANTO DEI RAGGAZZI DI STRADA SI FANNO STATO CERCANO IN TUTTI I MODI DI ENTRARE NELLE ISTITUZIONI CI RIESCONO DENUNCIANO QUALSIASI COSA DI SCHIFO NON SOLO SI AUTOTASSANO SUI LORO STIPENDI AIUTANO LE MEDIE E PICCOLE IMPRESE E POI RIFIUTANO ANCHE I SOLDI CHE DANNO AI PARTITI ( MILIONI DI EURO ) E LE PERSONE ANCORA HANNO DEI DUBBI , ALLORA MI DOMANDO MA CHE POPOLO SIAMO !!!!! SIAMO CAPACI SOLO DI LAMENTARCI MA POI QUANDO DOBBIAMO FARE QUALCOSA D'IMPORTANTE CI GIRIAMO DA UN ALTRA PARTE !!!!! C'E' UN DETTO CHI CAUSA DEL SUO MALE PIANGA SE STESSO !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli italiani chi siamo? Te lo dico io chi è l'italiano ... Gli italiani siamo un popolo che nasce geneticamente corrotto e che mangiando nella stessa porcilaia di quelli che fino ad ora ci hanno governati non è affatto intenzionato a fare diversamente perché finché mangia se ne sta fottendo di essere onesto...ecco chi siamo gli italiani purtroppo...spero che il numero di coloro che ne hanno le palle veramente piene e non ne possono più arrivi a una percentuale del 40% alle future elezioni e mettano il movimento 5stelle a guidare questo paese ormai più che alla deriva.

      Elimina
  11. qualcuno con le "palle" in Italia esiste ancora, Adriano sappiamo che ti stanno anche minacciando come Virginia.
    Tranqui sanno anche che se si alzano i toni la gente prenderà la Bastiglia ...

    RispondiElimina
  12. Gli italiani siamo un popolo che nasce geneticamente corrotto e che mangiando nella stessa porcilaia di quelli che fino ad ora ci hanno governati non è affatto intenzionato a fare diversamente perché finché mangia se ne sta fottendo di essere onesto...ecco chi siamo gli italiani purtroppo...spero che il numero di coloro che ne hanno le palle veramente piene e non ne possono più arrivi a una percentuale del 40% alle future elezioni e mettano il movimento 5stelle a guidare questo paese ormai più che alla deriva.

    Elimina

    RispondiElimina