sabato 4 giugno 2016

LA GRILLINA ESPULSA? PASSA COL PD E TIENE STRETTO IL SUPER STIPENDIO: “RENZI? MI SIPIRA FIDUCIA”

 

Ex M5s Paola Pinna passa da Scelta civica al Pd: “Partito dal volto umano. Renzi? Ispira fiducia”
La deputata sarda ha annunciato ufficialmente il suo passaggio ai dem. Espulsa a fine novembre 2014 da Beppe Grillo, a marzo 2015 aveva aderito al gruppo di Zanetti. Oggi il nuovo cambio: “E’ completamento di un percorso politico lineare”
Dal Movimento 5 stelle a Scelta civica fino al Pd. Paola Pinna, la deputata sarda espulsa da Beppe Grillo a fine novembre 2014, ha annunciato di aver aderito al Partito democratico “senza se e senza ma”: “E’ il mio approdo naturale. E’ un partito dal volto umano che si è rinnovato grazia a un segretario che ispira fiducia”.E’ la seconda grillina, dopo Tommaso Currò, a passare con i dem.A spiegare le sue ragioni è stata la stessa parlamentare con un lungo articolo sul suo blog: “E’ stata una scelta ponderata”, ha scritto, “e trovo quindi ingeneroso, anche se lecito, parlare di cambio di casacca. Preferisco l’espressione ‘completare un percorso politico lineare‘, che ha sempre avuto come obiettivo l’impegno a favore del territorio”.

La deputata sarda ha spiegato di aver deciso di lasciare Scelta Civica, a cui aveva aderito a marzo 2015, dopo aver visto la gestione delle alleanze a Cagliari. Lì infatti il partito di Enrico Zanetti sta appoggiando Forza Italia. “Che fare ora?”, si legge sul blog della Pinna. “Non rimane che tornare a guardare a un partito tradizionale che si è nel frattempo rinnovato grazie all’azione di un segretario giovane e moderno, che è anche un presidente del Consiglio che ispira fiducia”. Il Partito democratico secondo la parlamentare: “E’ un partito strutturato e capillare ma ‘dal volto umano’ che non sfugge al confronto, che ha avuto il coraggio di cambiare e di adattarsi alle nuove esigenze della società italiana, che oggi è forza di governo ma soprattutto di riforma del paese”. La Pinna è stata espulsa dal Movimento 5 stelle il 27 novembre 2014 insieme al collegaMassimo Artini. I due erano stati accusati di non aver restituito parte dello stipendio. La decisione era stata ratificata dagli iscritti al blog con il 70 per cento dei voti a favore e la sera stessa una delegazione di parlamentari si era presentata sotto casa di Grillo a Marina di Bibbona (Toscana) per chiedere un chiarimento. Nonostante il confronto, l’espulsione non era stata bloccata. Pinna nel dare l’annuncio del suo ingresso nel Pd ha parlato anche della “delusione” ricevuta dal Movimento 5 stelle: “Ho iniziato la mia carriera politica nel M5s perché non mi sentivo rappresentata da nessuno dei vecchi partiti. Poi è arrivata l’elezione alla Camera dei Deputati, un onore che non mi aspettavo. E ho pensato per un attimo che era possibile ‘fare la differenza’. Mai speranza fu più disillusa”. Tra i grillini, la Pinna dice di aver trovato “chiusure dogmatiche, censure e una pretesa superiorità morale in base alla quale non bisognava governare insieme ad altri, ma opporsi a tutto ciò che chiunque poteva provare a fare dai banchi del governo”. Il suo atteggiamento di “dissenso”, secondo la Pinna, le avrebbe fatto guadagnare l’espulsione.

FONTE:  http://www.grandecocomero.com/la-grillina-espulsa-passa-col-pd-e-tiene-stretto-il-super-stipendio-renzi-mi-sipira-fiducia/

14 commenti:

  1. purtroppo l'italietta è piena di questa gentaglia approfettatrice, dovrebbe essere presa a calci in culo

    RispondiElimina
  2. BASTARDA SE PER TE UMANO VUOL DIRE RIDURRE IN POVERTA' 10 MIL DI ITALIANI E SOTTOMETTERSI ALLA TROIKA CHTEPIASSEUNCOLPO A TE E A TUTTI I TUOI NUOVI COMPAGNI PIDIOTI.

    RispondiElimina
  3. RENZI TI ISPIRA? COSA? SESSO FORSE METTITI IN CODA ....

    MOLTE HANNO LA STESSA TUA OPINIONE...

    RispondiElimina
  4. Questa appena eletta alla Camera, e stata assunta a tempo indeterminato al Comune di Cagliari, giunta di centro sinistra. 1+1=2 passa con noi e hai il posto assicurato. Giuda

    RispondiElimina
  5. Scipiloti e tanti altri che hanno fatto i salti mortali per salire sul carro del vincitore non una riga, appena un membro del M.5.S si discosta anche per poco dall'idea del re, merda addosso lo si capisce dai commenti. Ora mi darete del PD, errore sono un comunista della prima ora e Vi spiego perché non vi voterò (anche se secondo il Vs. vocabolario non ve ne sfregherà un cazzo) Un movimento oligarchico diventato dopo la morte di Roberto Casaleggio un monarchia costituzionale, direttori nominato e non eletti, infine purghe e epurazione di stampo sovietico stalinista a chi si discosta o discute i Vs. ordini. Due pesi e due misure Sindaco di Napoli, di Parma e di Livorno un esempio di coerenza eccezionale. Tanto era per me doveroso il comunicarVi.

    RispondiElimina
  6. Ti abbiamo espulso una volta e ti espelleremo definitivamente per la seconda volta quando andremo al Governo del Paese!!!!

    RispondiElimina
  7. Che pena gli italiani non si smentiscono mai.....sia i nuovi sia i vecchi .....per me vita nuova...
    Ho penato 40 anni con politica da 4 soldi ....

    RispondiElimina
  8. Che pena gli italiani non si smentiscono mai.....sia i nuovi sia i vecchi .....per me vita nuova...
    Ho penato 40 anni con politica da 4 soldi ....

    RispondiElimina
  9. come già constatato al PD entrano cani e porci + porci che cani.

    RispondiElimina
  10. Sarei voluto essere un suo elettore, per andare a prenderla a calci nel culo senza se e senza ma

    RispondiElimina