venerdì 3 giugno 2016

Bomba Dario Fo: "Benigni ha obbedito. Vi dico cosa gli darà adesso Renzi"

Commenti alla dichiarazione di voto dell'attore toscano che su Rai torna in replica con 'La più bella del mondo'. Gasparri: "Servile e in affittasi"

ROMA - "Col cuore mi viene da scegliere il 'no'. Ma con la mente scelgo il 'sì', risponde Benigni nell'intervista di Ezio Mauro che chiede quale sarà il suo voto al referendum. "E anche se capisco profondamente e rispetto le ragioni di coloro che scelgono il 'no', voterò 'sì'". "Tra i due scenari del giorno dopo, preferisco quello in cui ha vinto il 'sì', con l'altro scenario si avrebbe la prova definitiva che il Paese non è riformabile".

E mentre stasera su Rai 1 è in replica La più bella del mondodi queste parole 
si definisce "sconvolto" e "terribilmente stupito" Dario Foche in una lunga intervista all'Huffington Postricorda Benigni quando era ancora ragazzo e muoveva i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo e non capisce l'endorsement dell'attore toscano a favore delle riforme di Renzi. Parla di un "tradimento" figlio delle "lusinghe" del potere. "Guardi" dice Fo "la questione non è votare questo o quello, ma lasciarsi andare alla deriva. C'è qualcosa del 'dare e avere'. Non c'è dubbio che questa posizione favorisce il governo e il potere. Sarà ripagato. Però mi stupisce terribilmente".

Fonte: http://www.repubblica.it/politica/2016/06/02/news/dario_fo_roberto_benigni-141168713/

27 commenti:

  1. Non so se vincerà il SI che cosa avrà in cambio, ma so che se vincerà il NO sarà, per ladri, concussi e complici, l'inizio della fine, e ho un'idea precisa di cosa riceveranno in cambio queste persone, perché sarà uno tsunami inarrestabile, un lento ma progressivo risveglio del popolo italiano..ognuno ricomincerà ad avere ciò che si merita..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincenzo Sando A me, Benigni, piace come attore , ma non voto certo si perchè lo dice lui, anzi suggerisco a Benigni di votare no come farò io, insieme a milioni d'italiani che non sono condizionabili da nessuno. Renzi deve capire che la sua è una non riforma, da presa per i fondelli, estremamente ridicola e permata d'ipocrisia in stile di loggia di etruriana reminiscenza.

      Elimina
    2. Vincenzo Sando A me, Benigni, piace come attore , ma non voto certo si perchè lo dice lui, anzi suggerisco a Benigni di votare no come farò io, insieme a milioni d'italiani che non sono condizionabili da nessuno. Renzi deve capire che la sua è una non riforma, da presa per i fondelli, estremamente ridicola e permata d'ipocrisia in stile di loggia di etruriana reminiscenza.

      Elimina
    3. GUARDA BENE CHE E' ALL'INCONTRARIO DI QUELLO CHE PENSI TU!!!!!!

      Elimina
    4. Se vince il No, sarà per i ladri l'inizio della fine.
      Quindi questa frase elogia il No

      Elimina
    5. Se vince il No, sarà per i ladri l'inizio della fine.
      Quindi questa frase elogia il No

      Elimina
    6. Se vince il Si, diminuiscono del 29% I PARLAMENTARI E I LORO FUTURI VITALIAZI. Ma soprattutto il popolo si riprende la sovranita' scippata dal 2011. Nessun partito deve prendersi il merito della rabbia popolare che votera' in massa SI ilo 2 ottobre. Mai piu' governi di larghe intese, ma con il ballottaggio sceglieremo chi deve governare per 5 anni.

      Elimina
  2. Perché se vincerà il NO sarà per i ladri?
    Ma scusa l'immunità dei Senatori, sarà garantita ai governatori di regione, tutti con grane giudiziarie ! Penso che dovresti leggere meglio la riforma !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CERTO.. SE TI INDICO LA LUNA TU GUARDI LA PUNTA DEL MIO DITO... IL PROBLEMA E' CHE COSI' FATTA NON CI SARANNO PESI E CONTRAPPESI E, OLTRE AD UNA CAMERA DI NOMINATI (VEDI ITALICUM) AVREMO UN SENATO DI NOMINATI... TUTTO AGLI ORDINI DELLE SEGRETERIE DI PARTITO O DEI LORO PADRONI (LEGGI BERLUSKAU E GRILLAU)

      Elimina
    2. e vince il No, sarà per i ladri l'inizio della fine.
      Quindi questa frase elogia il No

      Elimina
    3. e vince il No, sarà per i ladri l'inizio della fine.
      Quindi questa frase elogia il No

      Elimina
  3. Tizio , Matteo ha formulato bene il concetto...ha scritto che se vincerà il No saranno cazzi amari per i ladri ed i corrotti! Una vera rivoluzione del popolo che fino ad adesso ha accettato tutto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SE VINCERA' IL "SI" SARA' UN PAESE DI INCIUCI, LADRI, DELINQUENTI, CRIMINALI, CORROTTI E COLLUSI CON LA MAFIA, INQUANTO IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO IN SENATO PORTERA' SINDACI E PRESIDENTI DI REGIONI INQUISITI, INDAGATI, ARRESTATI (COME IL SINDACO DI LODI) E CONDANNATI!!!!!!

      Elimina
  4. sarà sempre complicato ....vincendo in no renzi non andrà via perche' non è un uomo di parola ma un qua qua raqqua
    diceva da invasioni barbariche che doveva passare dal voto...invece dicendo stai tranquillo è da quasi 3 anni li....che uomo di merda

    RispondiElimina
  5. lo sempre detto che renzi e come.
    Wanna Marchi è un personaggio televisivo e truffatrice italiana, celebre nel settore della televendita grazie alle sue peculiari modalità comunicative..........................

    RispondiElimina
  6. che tristezza sentire certe persone che non sanno cosa dicono,che se vince il no saranno favoriti i ladri,forse e il contrario, ma dove vivete dove sono ora i ladri?non sono forse quelli che ci dicono di votare si?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I LADRI SONO TUTTI QUELLI DEI PARTITI CHE MANGIANO E BEVONO SULLE SPALLE DI NOI POVERI TAPINI!!!!!!!

      Elimina
  7. Non andrà via perché è una persona senza onore che fa della menzogna la sua regola di vita. E un cialtrone

    RispondiElimina
  8. Comunque anche se vincerà il no, ci terremo tutti i ladri, corrotti, nani e ballerine che abbiamo adesso... non vedo un gran futuro da questo punto di vista

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. I ladri sono coloro che vogliono il si

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. I ladri sono coloro che vogliono il si

    RispondiElimina
  13. Innanzitutto chi è questo omuncolo che si permette di mettere le mani sulla Costituzione? Si ostinano a chiamarlo "premier", ma è solo il terzo uomo, il terzo lacchè di Napolitano, colui che doveva essere il garante della Costituzione. Accetta perfino un nuovo mandato che usa solo per portare dentro il terzo e il resto dei sette anni? Una comica finale se non fosse la tragica fine della democrazia della tutela dei diritti. Il compito invece doveva essere, alla comunicazione della Corte sulla anticostituzionalità del "porcellum", sciogliere le camere, rifare le elezioni con "mattarellum" ultima legge valida. Votare No quindi riveste, oltretutto, la garanzia di legalità e dei diritti di ogni cittadino.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina