mercoledì 1 marzo 2017

NOTIZIA APPENA CONFERMATA. LO HANNO APPENA ARRESTATO PER CORRUZIONE..

L'imprenditore campano Alfredo Romeo è stato arrestato questa mattina dai carabinieri e dalla guardia di Finanza in relazione ad un episodio di corruzione nell' ambito dell' inchiesta Consip. Nei confronti di Romeo il gip del tribunale di Roma ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il provvedimento è stato eseguito dal comando Carabinieri tutela ambiente, dai militari dell' Arma di Napoli e dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Napoli.

Nei confronti di Alfredo Romeo, secondo quando si apprende da fonti qualificate, è stato anche disposto il sequestro patrimoniale di 100 mila euro: secondo gli investigatori di Carabinieri e Guardia di Finanza e gli inquirenti della procura di Roma, si tratta del provento della corruzione di un dirigente della Consip.

Perquisizioni per ex parlamentare Bocchino - I carabinieri e la Guardia di Finanza stanno eseguendo una serie di perquisizioni nei confronti dell'ex parlamentare di An e del Pdl Italo Bocchino, coinvolto nell'inchiesta Consip che ha portato all'arresto di Alfredo Romeo. Secondo quanto si apprende, le perquisizioni sono scattate anche nei confronti di un faccendiere toscano, anche lui finito nell'indagine della procura di Roma. (Fonte: ANSA)


5 commenti:

  1. L'hanno tenuta nascosta fino che hanno potuto, deviando l'attenzione su Roma.

    RispondiElimina
  2. Tanto va la Gatta al LARDO che ci lascia lo zampino, mentre la Volpe sta a guardare e Pinocchio che vuole dare € 500,00 a chi per cosa forse come gli € 80,00 stai fermo vai via da qui via da qui ha i fatto già troppi danni. Arriva la madama attento " Consip" si complica attento che cadi attento che cadi dillo a Babbo di fare fagotto!

    RispondiElimina
  3. E queste informazioni a papà Renzi da chi le avrà ricevute secondo voi? Speriamo che le patrie galere abbiano ancora un paio di posti.

    RispondiElimina
  4. DX SX FATE TUTTI SCHIFO
    SPERIAMNO DI FARE AL PIU' PRESTO PULIZIA E RIDARE UN PÒ DI DIGNITÀ A QUESTO PAESE.

    RispondiElimina