sabato 25 marzo 2017

BLOCCATI I CONTI E LA CARTA DI CREDITO: STANGATA L’EX SINDACA PD! FINALMENTE FANNO PAGARE AD UNA PARASSITA I DANNI INENARRABILI CHE HA PROVOCATO

Sono passati quasi sei anni e mezzo da quella tragica alluvione del novembre 2011 che a Genova costò la vita a sei persone. Per quei fatti, l’allora sindaca del capoluogo ligure, la piddina Marta Vincenzi, è stata condannata a pagare 4 milioni e mezzo di provvisionale (cioè un anticipo del risarcimento) in solido con due coimputati e il Comune. E da giovedì i suoi conti correnti sono bloccati. Pignorati. La Vincenzi non può fare prelevamenti allo sportello o al bancomat, nè utilizzare la carta di credito. On pratica, è come se avesse perso tutto. E dal prossimo mese le verrà pure pignorato il quinto della pensione. “E’ una situazione pesante, come lo è sicuramente quella dei parenti delle vittime” dichiara al Corriere la Vincenzi. “Di fatto – aggiunge – non ho di che vivere, se non grazie all’aiuto di mio marito che ancora lavora”.


FONTE

9 commenti:

  1. bene ci vuole anche la galera.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. bravo grillone, spazza via tutti, non voglio il fallimento totale dell'italia ne dover emigrare!

    RispondiElimina
  4. Bene le persone che si candidano per fare il sindaco si devono prendere le responsabilita specialmente quando superficialmente non considerano le eventuali calamita e poi vogliono raggirare e scaricare le responsabilità ad altri,tranquilla che non muori di fame Tu,

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. macche macche...si chiamano centri rieducativi dove si impara l educazione e si lavora !!! Questo è il rispetto

    RispondiElimina
  7. macche macche...si chiamano centri rieducativi dove si impara l educazione e si lavora !!! Questo è il rispetto

    RispondiElimina
  8. Questo è l'inizio ma sarebbe stato opportuno una posizione politica del PD sulla faccenda dense delegare sempre alla magistratura le loro incombenze.

    RispondiElimina