venerdì 31 marzo 2017

ABOLIZIONE VITALIZI, SVOLTA CLAMOROSA: ECCO COSA ACCADRA' SETTIMANA PROSSIMA.

Di Battista: “Votiamo la proposta di Richetti, la aspettiamo in Aula”


Dopo la bocciatura del testo M5s e le sanzioni, l'apertura dei parlamentari del Movimento sulla soluzione del parlamentare renziano: "Fornero per tutti"

La bocciatura, le proteste, le sospensioni. Ma il punto di caduta della discussione sui vitalizi è che i Cinquestelle si dicono pronti a votare la proposta di Matteo Richetti del Pd. A dirlo è il deputato M5s Alessandro Di Battista: “Non vediamo l’ora che la proposta Richetti arrivi in Aula perché la voteremo tranquillamente, senza alcun problema” spiega mentre partecipa al flash-mob insieme ai colleghi in piazza Montecitorio contro le sanzioni inflitte ai parlamentari grillini. Cosa prevede l’ipotesi Richetti? In sostanza la “Fornero per tutti”, come già ha spiegato ilfattoquotidiano.it. Il deputato renziano, dunque, punta non solo all’introduzione di “un sistema previdenziale identico a quello vigente per i lavoratori dipendenti”, ma anche alla “sua estensione a tutti gli eletti” in modo da “abolire definitivamente i trattamenti in essere basati ancora sull’iniquo sistema degli assegni vitalizi”. Richetti disse proprio al Fatto.it che così “ci saranno amare sorprese per molti: se un ex parlamentare o un ex consigliere regionale ha versato contributi sufficienti percepirà un assegno proporzionato, diversamente dovrà accontentarsi della pensione sociale non è più tollerabile che continui a percepire somme ingiustificate, a mio avviso illegittimamente, chi ha ricoperto una carica elettiva magari per pochi giorni”.

Prima del voto contestato in ufficio di presidenza, Luigi Di Maio aveva scartato la soluzione Richetti, ma per un motivo tecnico-parlamentare: “Convergere sulla proposta Richetti sulle pensioni dei parlamentari – aveva detto al Tg3 – sarebbe il miglior modo per non fare nulla: per approvare una proposta di legge servono mille parlamentari, per approvare a nostra delibera ne bastano quindici, sarebbe il miglior modo per evitare la melina dei partiti”.

Tutto il dibattito su questo tema era partito dal voto in ufficio di presidenza di Montecitorio che ha respinto la proposta dei Cinquestelle e accolto quella di Marina Sereni, vicepresidente della Camera, Pd. Secondo lo schema della Sereni deve esserci un contributo di solidarietà per tre anni a partire dall’1 maggio a carico degli ex deputati titolari dell’assegno. Il contributo sarà del 10 per cento per i vitalizi da 70mila a 80mila euro, del 20 per cento da 80mila a 90mila euro, del 30 da 90mila a 100mila euro e del 40 per quelli superiori ai 100mila euro annui. La proposta porterebbe a regime ad un risparmio di 2,5 milioni l’anno per le casse di Montecitorio.

La delibera che l’M5s ha presentato a febbraio, dopo che il Fatto Quotidiano ha lanciato la petizione “Vitalizi, poniamo fine al privilegio”, punta invece all’equiparazione delle pensioni parlamentari a quelle dei normali cittadini, pur non intervenendo sui vitalizi in essere perché per farlo servirebbe un voto parlamentare e non basterebbe una modifica del regolamento. Luigi Di Maio assicura: “Noi non ci arrendiamo: avranno vinto una battaglia sulle pensioni dei parlamentari ma non hanno vinto ancora una guerra. Troveremo altri strumenti per riuscire a far saltare questa pensione a settembre: stiano tranquilli i cittadini che un modo lo troveremo…”. A domanda, i 5 Stelle promettono inoltre di trovare un modo per “restituire” l’assegno pensionistico così come fanno con le indennità parlamentari: “Oggi per la pensione c’è l’irrinunciabilità – dice Di Maio – ma troveremo un modo per far saltare le pensioni e quindi anche le nostre”.

fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/30/vitalizi-di-battista-votiamo-la-proposta-di-richetti-la-aspettiamo-in-aula/3487579/

16 commenti:

  1. SIETE GRANDI GRAZIE DI ESISTERE!!!

    RispondiElimina
  2. Chi la dura la vince. Vediamo ora, cosa inventeranno i parlamentari x non votare la proposta Richetti.

    RispondiElimina
  3. Sarà vero❓❓non ci crederò mai‼‼

    RispondiElimina
  4. Spero che non si rimangiano la parola come altre volte, io penso che faranno di nuovo marcia indietro.. Non mi fido di quella gente

    RispondiElimina
  5. Non la presenteranno mai in aula parlamentare,scommettiamo?

    RispondiElimina
  6. Richetti può darsi che la presenterà in parlamento la proposta di adeguarsi tutti alla legge Fornero,ma sarà approvata? Forte dubbio.

    RispondiElimina
  7. E invece della legge Fornero x tutti...
    abolirla no è.. ?? Fare un piano pensionistico adeguato e giusto x tutti...non basta aver lavorato (duramente) x 40 e oltre ??

    RispondiElimina
  8. Abolite quella maledetta legge fornero e basta! Non se ne può più

    RispondiElimina
  9. Bravissimi, è giusto che sia cosi . Se la legge è uguale per tutti. !!! La devono rispettare , altrimenti la devono ANNULLARE . e RESTITUIRE il MALTOLTO. Altrimenti ci faremo SENTIRE in massa !!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Amici del M5S quando la Formero fece la legge per bolccare la parequazione delle pensioni poi dichiarata inlegittima con la sentenza 70/2015 non a pensato di togliere i vitalizi ai parlamentari, e a quelli che prendono 3 o 4 vitalizi, gli e rimasto piu facile casticare i pensionati, ora dovrebbe lei fare un mutuo per restituire la parequazione ai pensionati, spero che anche a leigli venga tolto il vitalizio.

    RispondiElimina
  11. Penso che invece di equipararla sarebbe opportuno abolire la legge Fornero e dare la possibilità a tutti i poveri cittadini di andare in pensione prima .Per i parlamentari togliere i privilegi inopportuni

    RispondiElimina
  12. Penso che invece di equipararla sarebbe opportuno abolire la legge Fornero e dare la possibilità a tutti i poveri cittadini di andare in pensione prima .Per i parlamentari togliere i privilegi inopportuni

    RispondiElimina
  13. Ottimo, ma quasi impossibile,sarebbe come ammettere da parte loro sbagli commessi in questi anni indietro ,per me qualsiasi decisione prendano sarà dura, non posso rendere fiducia con tutti gli sbagli che hanno fatto, rimangono persone senza meriti.

    RispondiElimina