giovedì 30 marzo 2017

LA RAI? E’ IL PARADISO DEI RACCOMANDATI! SAI CHIE ‘ QUESTA TIZIA? BIGNARDI LE HA APPENA REGALATO UNA TRASMISSIONE TUTTA PER LEI

RAI DA CURARE – LA BIGNARDI ASSEGNA IL PROGRAMMA DI MEDICINA DI RAI3 ‘’TUTTA SALUTE’’ NELLE MANI DI ELSA DI GATI, MOGLIE DI CLAUDIO RIZZA, PORTAVOCE DEL MINISTRO DELLA SALUTE LORENZIN – E SU TWITTER ELSA DI GATI SI DIVERTE A FARE BATTUTE SUL CASO RAGGI E IL CONFLITTO D’INTERESSE CON ROMEO…

DAGOREPORT

All’interno del cda potrebbe essere sollevato un nuovo caso Bignardi. Qualcuno ha sussurrato ai consiglieri di opposizione che la direttora già nell’occhio del ciclone per l’attenzione rivolta agli artisti legati al suo ex manager Beppe Caschetto, avrebbe compiuto un altro passo falso, questa volta tutto politic0.

A capo della struttura dell’unico programma di medicina di Raitre, ‘’Tutta Salute’’, la direttore ha messo una signora che ha un conflitto d’interessi grande quanto una casa. Si tratta di Elsa Di Gati, ex conduttrice, promossa dalla Bignardi dirigente nell’autunno scorso. Della Di Gati non si conoscono opere giornalistiche passate alla storia, non ha fatto programmi memorabili ne ha una grande esperienza alle spalle  di gestione delle risorse. E allora perché promuoverla?

Nei giorni scorsi sul suo account Twitter Elsa Di Gati si è divertita a fare battute sul caso Raggi e il conflitto d’interesse con Romeo; polizze a sua insaputa etc.. Quelli dei 5 stelle lo hanno notato e hanno scoperto che anche lei di conflitti se ne intende. E’ la moglie di Claudio Rizza, portavoce del ministro della salute Beatrice Lorenzin.

Nella stessa struttura della Di Gati ricade anche ‘’Mi Manda Raitre’’ con le sue inchieste al servizio del consumatore. Sono due programmi di servizio, e i responsabili, ca va sans dire, dovrebbero essere cani da guardia del potere. Nei corridoi di Viale Mazzini dove la Di Gati si aggira, raccontano, con fare da papessa dispensando indulgenze per tutti, la domanda è questa: con quale serenità di giudizio la nuova dirigente di Tutta Salute e Mi Manda Raitre potrà autorizzare la messa in onda di un servizio ‘scomodo’ che per qualche motivo getta ombre sul ministero o sul ministro, di cui è portavoce il marito? E poi ancora: ma questa Rai non aveva fatto della distanza dalla politica la sua bandiera?

FONTE

7 commenti:

  1. Se la domanda è questa: Nei corridoi di Viale Mazzini dove la Di Gati si aggira, raccontano, con fare da papessa dispensando indulgenze per tutti, la domanda è questa: con quale serenità di giudizio la nuova dirigente di Tutta Salute e Mi Manda Raitre potrà autorizzare la messa in onda di un servizio ‘scomodo’ che per qualche motivo getta ombre sul ministero o sul ministro, di cui è portavoce il marito? Io aggiungo che, molto probabilmente, non solo si eviterà di fare dei servizi "scomodi" sul ministero o sul ministro della sanità, ma che magari se ne decanteranno i meriti, se ne canteranno le lodi e si racconteranno tutte le iniziative e il lavoro indefesso a favore di chi ha bisogno di cure.

    RispondiElimina
  2. LE RACCOMANDAZIONI SCHIFOSE SI MOLTIPLICANO.CI SARÀ QUALCUNO NEI POSTI CHE CONTANO CHE C'È ARRIVATO PER MERITO E NON PER RACCOMANDAZIONE? CHI CREDE CHE SI POSSA MIGLIORARE È UN GRANDE ILLUSO!

    RispondiElimina
  3. Stiamo arrivando, CACATEVE a dosso!!!

    RispondiElimina
  4. Van Piras SANTO SUBITO. Commento perfetto, non fa una piega.

    RispondiElimina
  5. Gli ultimi giorni di Pompei...

    RispondiElimina
  6. non ci sono più aggettivi per definire la rai servi del potere politico marcio!!!!!! stiamo arrivando merde....

    RispondiElimina
  7. Ogni tanto si scopre l'acqua calda! Tutte le aziende Pubbliche o similari per aver ingresso occorre la raccomandazione. Qualora si decidesse si fare gli opportuni controlli avremmo la verifica

    RispondiElimina