sabato 1 ottobre 2016

NAPOLITANO, ENNESIMO SFREGIO AGLI ITALIANI ED ALLA DEMOCRAZIA: “IL PARLAMENTO?E’ UNO S…..”

“Sì, sono stati commessi degli errori”. Da Giorgio Napolitano arriva  un altro schiaffo, e stavolta è tutto per Matteo Renzi. Si parla di riforma costituzionale e referendum e l’ex presidente della Repubblica non manca di sottolineare gli sbagli nella campagna per il , “ma ora sono stati corretti, Renzi ha capito”. Il riferimento, ovvio, è alla personalizzazione del voto e alle minacce di dimissioni in caso di sconfitta da parte del premier. Tuttavia, nota Napolitano, quella impostazione “è durata per un periodo troppo lungo ed ha facilitato chi era per il No e contro Renzi”.
“Parlamento uno straccio” – Questo ha fatto sì che tuttora i cittadini pensino che il
referendum sia anche incentrato su Renzi, ha concluso il ragionamento l’ex presidente, che ha poi attaccato frontalmente il fronte del No: “A chi dice di votare no per difendere il Parlamento chiedo, ma tu hai visto come è ridotto il Parlamento?”. “Io per 9 anni ho ricevuto i gruppi parlamentari, per lo più di opposizione, che mi dicevano basta alla fiducia, ai maxi-emendamenti, ai decreti. Una cosa sacrosanta, perché così il Parlamento è ridotto a uno straccio“.  Questa riforma, sostiene al contrario, “aiuta il Parlamento”.
Italicum e ballottaggio – Collegata al referendum c’è la questione dell’Italicum, che Renzi ha promesso di correggere un po’ per concessione al Pd e un po’ per “fregare” il Movimento 5 Stelle che secondo i sondaggi al ballottaggio uscirebbe sempre vincitore, indipendentemente dallo schieramento rivale. Non a caso a Napolitano “non risulta” che Renzi “non toccherà” il ballottaggio, aprendo di fatto a modifiche proprio su questo punto, che era il dato fondamentale della legge elettorale. Senza ballottaggio, l’ipotesi più probabile è quella delle “larghe intese” e Napolitano sarebbe favorevolissimo: “Bisogna mettere nel conto che si può anche essere i primi alle elezioni ma senza riuscire ad aver la maggioranza assoluta per governare e che fare una politica di alleanze non è una bestemmia. Non si può considerare una bestemmia cercare alleati per governare”. E lui, che ha messo insieme Monti, Berlusconi e Bersani, ne sa qualcosa.

FONTE:
LIBERO

8 commenti:

  1. È stato e sarà sempre un dittatore pd che a suo tempo ha applaudito l'invasione da parte dell'Urss un paese alleato. Ha distrutto lui il parlamento nominando i premier non eletti.

    RispondiElimina
  2. SONO STATE ASSUNTE , DONNE PERCHè AMANTI DI QUALCUNO, CHE NON VALGONO NULLA ,GLI UOMINI SONO PEGGIO NON HANNO CERVELLO E CREDENO DI ESSERE ,ANDATE VIA TUTTI AVETE ROVINATO L iTALIA

    RispondiElimina
  3. UN GIORNO QUESTO UOMO,CHE NON E' MAI STATO DI SINISTRA E HA DISTRUTTO LA SINISTRA,UN GIORNO NON LONTANO SARA' RICORDATO COME UN POLITICO DI GRANDE PRESTIGIO DI QUESTO PAESE E IL POPOLO CHE NE HA SUBITO LE CONSEGUENZE ANCHE COL SUICIDIO LO PROPORRA PER LA BEATIFICAZIONE.

    RispondiElimina
  4. napolitano è un emerito PDM. Non dite che è un essere inutile.al contrario,è un essere ancora pericoloso specie se concorda con altri PDM come lui.

    RispondiElimina
  5. E uno degli uomini più subdoli del parlamento italiano,pericoloso e traditore della patria,a favore dei suoi amici e delle lobby,speriamo si tolga naturalmente al più presto dai coglioni assieme ai suoi compari...!

    RispondiElimina
  6. La vera BESTEMMIA sei tu!Sei tu il BESTIARIO del PArlamento italiano!

    RispondiElimina
  7. Spero che crepi così in pochi ti rinpiangeranno

    RispondiElimina
  8. be che dire sono senza parole fate come me alle prossime elezioni votate ali babà cosi sapremo che i ladroni saranno solo in 40

    RispondiElimina