lunedì 10 ottobre 2016

Il Movimento 5 Stelle dona dei defibrillatori a tre scuole. Gli istituti rifiutano e il perchè è vergognoso

Il dono in un primo momento era parso più che gradito: tre defibrillatori destinati a tre scuole di Castelfranco di Sotto (Pisa). Il mittente: i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che avevano devoluto i loro gettoni per l'acquisto delle strumentazioni. Ma - come scrive oggi il Corriere della Sera - gli istituti sono stati costretti a rifiutare la generosa donazione.

Il problema è che insieme a quelle macchine salvacuore , le scuole avrebbero dovuto accettare anche i cartelli esplicativi con il logo M5s. E così, dopo aver tentato di trovare un compromesso (defibrillatori senza logo) le tre scuole hanno respinto la donazione perché, da regolamento, è impossibile far entrare in classe simboli politici.
Della vicenda parla anche il Tirreno, spiegando le posizioni dei consiglieri regionali M5s che hanno difeso la scelta di accompagnare il dono con il loro pannello informativo.

«È una posizione legittima e ci scusiamo se da parte nostra è mancata l'informazione, però ci sono anche scuole che hanno accettato il defibrillatore così com'è. Il simbolo serve per dire che il movimento fa quel che dice: vorremmo piuttosto che anche altri partiti ci seguissero. È comunque un pannello informativo: non è possibile consegnare l'apparecchio senza il cartello».

Fonte: http://www.huffingtonpost.it/2016/06/18/m5s-defibrillatori-scuola_n_10542694.html

13 commenti:

  1. auguro a chi ha rifiutato un bel infarto che può essere salvato con un defibrillatore in tempo reale e da qualsiasi parte provenga a prescindere dal simbolo e spero che non ce la faccia

    RispondiElimina
  2. Se venivano dal PD non c'era nessun problema è da sempre risaputo nonostante gli ultimi eventi "la buona scuola" che la scuola è un mondo di sinistra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse la scuola toscana é di sinistra. Le altre non più dopo la buona scuola che di buono non ha niente

      Elimina
  3. Gli hanno comprati con i soldi dei cittadini tutto ciò per un logo. Ma andassero a cagare strutture della casta

    RispondiElimina
  4. Sicuramente qualcun'altro li apprezzerà.Non sprechiamo energie a considerarli.Tutti i nodi arrivano al pettine.

    RispondiElimina
  5. il Movimento poteva mettere una targhetta tipo: "Donato dal M5S" e togliere la sua pubblicità, non è bello imporre il proprio logo se doni qualcosa, non mi riconosco in questo modo di fare...vale per qualunque partito.

    RispondiElimina
  6. Spero che tutte le città d'Italia saranno gestite dai sindaci del movimento cinque stelle così daranno una pulita a sta gente che pensa solo a cavoli propri

    RispondiElimina
  7. Non si vuole accettare che i ragazzi dei ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️, diano lezioni di solidarietà reale per i bisogni di chi è sofferente, considerato che le istituzioni di servizio sono alla frutta, pur di non far vedere la loro sensibilità i boiardi di stato, quelli scelti dal sistema, rifiutano!!! IPOCRITI E SERVI

    RispondiElimina
  8. Chi dona non lo fa per ottenere pubblicità in cambio. Che commenti sarebbero stati pubblicati se il dono fase giunto da Berlusconi e da Forza Italia?

    RispondiElimina
  9. Questo ci fa capire quanto sia in mensa l'ignoranza di chi occupa una posizione di responsabilità e dirigenza, ma coloro che non hanno accettato sono solo servi di un sistema politico che li ha destinti a controllare e dirigere quei servizi senza prendersi cura delle esigenze del cittadino ma solo de padrone.

    RispondiElimina
  10. Questo ci fa capire quanto sia in mensa l'ignoranza di chi occupa una posizione di responsabilità e dirigenza, ma coloro che non hanno accettato sono solo servi di un sistema politico che li ha destinti a controllare e dirigere quei servizi senza prendersi cura delle esigenze del cittadino ma solo de padrone.

    RispondiElimina