sabato 8 ottobre 2016

++ NOTIZIA CHOC ++Abusi sessuali su una 13enne, lo scandalo che travolge il Pd: arrestato!

Davanti agli agenti della squadra mobile di Pavia che ieri mattina lo hanno arrestato per violenza su minore ha preferito rimanere in silenzio. Antonio Maria Ricci, 50 anni ex segretario pavese del Pd e medico del Policlinico San Matteo di Pavia, è finito ai domiciliari con l’accusa di molestia sessuale su un paziente minore. Il medico e politico di Pavia, responsabile del servizio di gastroenterologia del reparto di pediatria del Policlinico nonchè dirigente dell’Asp (Azienda servizi alla persona), durante la militanza Dem era considerato tra i più radicali nel contestare la questione morale a Silvio Berlusconi.
Un puro e duro che sostenne alle primarie il futuro sindaco Massimo Depaoli, appoggiando al congresso la linea Bersani e poi sposando quella di Civati fino al progressivo allontanamento dalla vita dei Dem per dedicarsi al lavoro. Un militante storico, capace di imbavagliarsi in piazza per contestare a Silvio Berlusconi e chiedergli le dimissioni dopo il caso Ruby. Insomma, negli ambienti del Pd locale e nazionale Ricci è sempre stato considerato uomo di alta moralità, vicino al circolo di Libertà e Giustizia di cui nel 2006 fu coordinatore provinciale, tanto da affidargli il partito nel momento di massima difficoltà, subito dopo la vittoria del centrodestra in Comune. Un punto di riferimento per il centrosinistra che nel 2014 lo ha nominato presidente dell’Asp, l’azienda di servizi alla persona della Provincia di Pavia. Invece secondo le indagini degli agenti della Questura di Pavia, Ricci avrebbe "adescato" una tredicenne affetta da una grave patologia gastrointestinale chattando su Facebook per circa tre mesi.
L’indagine - ha spiegato la Questura - è durata parecchi mesi ed è nata dalla denuncia dei genitori di una 13enne affetta da una grave patologia che la rende «persona incapace di svolgere compiti e funzioni proprie della sua età». Per questa ragione la ragazzina da tempo era in cura nel reparto di gastroenterologia del Policlinico San Matteo, dove era sottoposta ad una terapia sperimentale. Secondo gli investigatori Ricci avrebbe svolto «un’attività di adescamento protrattasi per circa tre mesi» in cui l’uomo, con «inequivocabili scambi di messaggi su Facebook» teneva i contatti con la ragazza. Inizialmente si era posto come medico amichevole conquistando la fiducia della tredicenne, quindi si sarebbe dimostrato «molto interessato ed attratto anche fisicamente» da lei fino a ad arrivare a colloqui di natura sessuale nei quali si faceva promettere un «bacio». Non solo. In occasione di un ricovero della paziente, la scorsa estate, il medico, approfittando del fatto che la giovane fosse da sola in camera, secondo la Procura «poneva in essere atti sessuali nei confronti della giovane consistiti in baci sulla braccia e sulla bocca su di una minore che, in considerazione del contesto e delle motivazioni pur cui si trovava in quale luogo, era in balia degli eventi».
Il pm di Pavia, Chiara Giuiusa, ha quindi chiesto gli arresti domiciliari, concessi dal gip per il pericolo di reiterazione del reato «in considerazione dell’attività svolta e del livello culturale dell’indagato che non poteva non conoscere il gravissimo disvalore degli atti compiuti ai danni di una minorenne».
Intanto il Pd ha preso subito le distanze dall’ex segretario, mentre il sindaco Depaoli ha comunicato la decisione di revocare Ricci dal ruolo di presidente del Consiglio di indirizzo dell’Asp, l’Azienda servizi alla persona. Sempre oggi il Policlinico San Matteo di Pavia ha provveduto alla sospensione cautelare dal servizio di Ricci e ha già annunciato la volontà di costituirsi parte civile.
Durissima la reazione dell’assessore alla sicurezza regionale, la leghista Simona Bordonali, che ne ha proposto la castrazione chimica.

fonte: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11926938/pavia-ricci-ex-segretario-pd-arrestato-molestie-sessuali.html

4 commenti:

  1. CON QUESTA PROPAGANDA NON SI VA DA NESSUNA PARTE. AGITARE LE ACQUE PENSANDO DI POTER PESCARE NEL TORBIDO NON GIOVA AL PAESE. NELLO SPECIFICO, SE C'E' UN PORCO IN GIRO - E VENISSE ACCERTATO PER LEGGE, IN VIA DEFINITIVA DI ESSERE TALE - VA PUNITO IL PORCO (COME PER LEGGE OVVIAMENTE, NON VORREI SI FRAINTENDESSE, VISTO CHE CI AVVICINIAMO A DICEMBRE: MESE TIPICO DELLA MACELLAZIONE DEI MAIALI...!). MA CHE C'ENTRA IL PARTITO IN TUTTO QUESTO....? IL PARTITO, SEMMAI, IN QUESTA VICENDA, E' PARTE LESA, PERCHE' CI PERDE D'IMMAGINE. QUESTO NUOVO GIABOBINISMO, FUORI TEMPO E FUORI LUOGO, NON SORTIRA' NESSUN EFFETTO, SE NON LA RIPROVAZIONE DELLE PERSONE SERIE VERSO SIMILI PRATICHE. LA MIA OPINIONE OVVIAMENTE (CHE NON SONO UN FANATICO RENZIANO), DISCUTIBILE SICURAMENTE, COME LA VOSTRA DEL RESTO...! E CHEST'E'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merda per i Merdaioli il PD è pieno!!!

      Elimina
    2. Credo che si sia voluto sottolineare come la moralità del PD sia volubile, perché il soggetto in questione era organico al PD quando si giudicava il comportamento di Berlusconi con le minorenni!!! Quindi il partito c'entra, ed é giusto evidenziare come cavalcano quando gli conviene la questione morale...

      Elimina