mercoledì 6 aprile 2016

SOLDI "RENZIANI" A PANAMA? ECCO A QUANTO AMMONTA LA CIFRA MOSTRUOSA EVASA NEL PARADISO FISCALE..


Donzelli: "Dai paradisi fiscali 8 milioni per le società del giro renziano"


Giovanni Donzelli, capogruppo in Regione Toscana di Fratelli d’Italia, mostra i documenti camerali sui passaggi societari incriminati

“Passaggi di denaro anomali per 12,5 milioni di euro di cui 8,1 milioni provenienti daiparadisi fiscali e finiti nelle casse di tre società riconducibili al giro d’affari composto dai soci del papà del premier Tiziano Renzi e dei finanziatori del presidente del Consiglio”.

È quanto ha rivelato Giovanni Donzelli, coordinatore dell’esecutivo nazionale e capogruppo in Regione Toscana di Fratelli d’Italia, in conferenza stampa mostrando i documenti camerali sui passaggi societari incriminati.
"Se un cittadino onesto paga fino all’ultimo centesimo le tasse - commenta Donzelli - il premier Matteo Renzi ha il dovere di spiegare le anomalie in cui sono coinvolti i soci di suo padre Tiziano, Ilaria Niccolai, l’amico e primo finanziatore del premier Andrea Bacci, l’ultimo presidente di Banca Etruria Lorenzo Rosi e l’arrivo dei fondi dai paradisi fiscali. Le società in questione sono Mall Re, che si è occupata della realizzazione dell’outlet di Reggello (Firenze), la Dil Invest e la Egnazia Shopping Mall, nata per la realizzazione dell’outlet che sta per sorgere a Fasano (Brindisi), operazione che ha visto un impegno diretto da parte di Tiziano Renzi. L’amministratore di tutte queste società è Luigi Dagostino, regista delle operazioni di realizzazione degli outlet in varie città d’Italia. E anche fra i soci della Riviera Mall e la Costa Azzurra Re, nate per la realizzazione degli outlet di Sanremo (IM), figurano società con sede nei paradisi fiscali".
"Fra i movimenti il più sostanzioso riguarda la cessione avvenuta il 5 maggio 2015 da parte della Nikila di Ilaria Niccolai del 75% della Mall Re alla società Staridea Investments con sede nel paradiso fiscale di Cipro: quote del valore nominale complessivo di 37.500 euro (500 euro ciascuna) vendute a 7,5 milioni di euro (100 mila euro). Una crescita di prezzo di 200 volte. Eppure soltanto tre mesi e mezzo prima (il 17 dicembre 2014) nella stessa società era avvenuta una cessione di quote del 25% al prezzo di 20 mila euro. Emblematico anche il caso avvenuto nella Egnazia Shopping Mall il 10 febbraio 2016 la società Syntagma di cui è socio e amministratore unico l’ultimo presidente di Banca Etruria Lorenzo Rosi, ha venduto al regista dell’operazione outlet Luigi Dagostino quote da 1.100 euro al prezzo di 1.100 euro. Lo stesso giorno, 26 minuti dopo, è stata firmata un’altra doppia cessione alla società Uk Development and Investments, con sede nel Regno Unito: La Castelnuovese (a lungo amministrata da Lorenzo Rosi) ha ceduto al prezzo di 130 mila euro 500 euro di quote e Mora Real Estate - fondata dai fratelli Moretti di Arezzo, creatori del marchio Lebole - ha ceduto 1.200 euro di quote al prezzo di 430 mila euro. Nella vicenda rientrano anche i paradisi fiscali con sede a Panama il 30 settembre 2015 Nikila ha ceduto alla Tressel Overseas, società rappresentata in più occasioni dal regista dell'operazione outlet Luigi Dagostino, il suo 30% (3.000 euro di quote) della società Egnazia Shopping Mall al prezzo di 125 mila euro. Lo stesso Dagostino ha ceduto il 18% (1.800 euro di quote) per 75 mila euro".

FONTE

14 commenti:

  1. Sperando che chi di competenza faccia il proprio dovere, gli italiani onesti attendiamo fiduciosi, al più presto possibile!

    RispondiElimina
  2. Il giglio magico inizia a perdere i petali.

    RispondiElimina
  3. Sono farabutti ,ladri della peggiore specie per voi non le carcere ma < PIAZZALE LORETO >

    RispondiElimina
  4. IO MI CHIEDO SE FOPO TUTTO QUESTO SCANDALO CHE STA SALTANDO FUORI C'È ANCORS QUALCUNO CHE CREDE A QUESTI LADRI DEL PD

    RispondiElimina
  5. siamo governati da tantissimi anni da meschini e ladri,è giunta l'ora di mettere fine a quasti politici infami e corrotti,alle prossime votiamo in massa gli Onesti a dire M5S,solo loro possono dare un colpo di Karcher per spazzare via tutta quella marmaglia di deliquenti.

    RispondiElimina
  6. L'unica speranza che tutto l'incarto della faccenda venga affidato ad un giudice onesto che li mandi in galera per il resto della loro vita, confiscandogli tutti i loro averi mettendoli a disposizione dei cittadini che in questi anni sono stati derubati da questi ladri.

    RispondiElimina
  7. Banda bassotti all assalto! Manica di ladri....ma finirà tutto questo.



    RispondiElimina
  8. Lo devono mettere immediatamente in galera ma e impossibile che questo pazzo e intoccabile ma dove siamo una valanga di reati che dovrebbe essere in galera a vita e lo lasciano fare? Lo devono rinchiudere in psichiatria subito abuso di potere.... ma non vi rendete conto che non ha la testa a posto questo sciagurato!!!

    RispondiElimina
  9. tale padre, tale figlio, non si smentiscono, due merde uguali

    RispondiElimina
  10. Cosa vuoi commentare dopo tutto quello che sta combinando lui e tutto il PD è ora che vadano a casa.

    RispondiElimina
  11. Cosa vuoi commentare dopo tutto quello che sta combinando lui e tutto il PD è ora che vadano a casa.

    RispondiElimina
  12. Risposte
    1. Credo che la cuccagna stia per finire. Tuttavia credo anche che questi mafiosi se la caveranno con poco danno.

      Elimina
  13. QUANDO DICEVO CHE LA FAMIGLIA RENZI RUBA -NESSUNO MI HA CREDUTO- ORA SIAMO ALLA REALTA'
    DEI FATTI- LE VALIGETTE CHE VANNO PIENE E TORNANO VUOTE ECCO PERCHE' L'ITALIA E PIENA DI DEBITI!!!! da gigi!

    RispondiElimina