domenica 17 aprile 2016

++ ULTIM'ORA ++ Si rompe tubatura della Iplom, rischio petrolio in mare

Si rompe tubatura della Iplom, rischio petrolio in mare

Cinque squadre dei vigili del fuoco stanno operando a Fegino per un grande sversamento di petrolio nel Polcevera. In una lotta contro il tempo, si sta cercando di fermare la marea nera per impedire che finisca in mare. Il grave incidente ambientale sarebbe stato provocato, secondo i primi accertamenti, dalla rottura di cinque condutture della Iplom. Sul posto sono intervenuti i vigili dell'Ambiente ed è stata richiesta anche la presenza di un'ambulanza."Si sente un forte odore di petrolio", racconta Angelo Spanò dei Verdi che dalle finestre di casa vede la maccchia che si sposta velocemente. Dell'incidente è stato informato il sostituto procuratore  Alberto Landofi e anche il sindaco Marco Doria. I pompieri stanno provando a bloccare il petrolio sistemando delle "panne" nel rio Pianego che convoglia le sue acque nel Fegino e quindi nel Polcevera.
I vigili del fuoco stanno tentando di evitare che il petrolio e altre sostanze inquinanti finiscano in mare. Tre dighe sono state realizzate  con escavatori all'altezza dell'Ikea a Campi. Quando, poco prima delle 20, c'è stato il guasto, non sarebbero state chiuse le valvole in tempo, permettendo al petrolio di raggiungere il rio Pianego. In questo momento il Fegino è in piena, ma si tratta di petrolio. 
Una situazione estremamente delicata, tanto che per ora non è eslcuso che per motivi di sicurezza possano venire evacuati dei palazzi. La popolazione è stata invitata a tenere le finestre chiuse e a mettere asciugamani per impedire ai gas di entrare. Sul posto si è recato anche l'assessore alla protezione civile Gianni Crivello e i tecnici di Arpal

FONTE: http://genova.repubblica.it/cronaca/2016/04/17/news/cc-137852419/

8 commenti:

  1. portaci in piazza questo 30% e sufficiente .

    RispondiElimina
  2. Il tutto sembra sia successo come.risposta alla.vittoria di Renzi per il referendum guarda caso proprio a fagiolo il peggio è per i genovesi che si devono sobbarcare l'inquinamento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assenteisti sulle scelte ecologiche?
      E che se li tengano anche gli sversamenti.

      Elimina
  3. Il tutto sembra sia successo come.risposta alla.vittoria di Renzi per il referendum guarda caso proprio a fagiolo il peggio è per i genovesi che si devono sobbarcare l'inquinamento

    RispondiElimina
  4. Muovevano il culo prima e andavano a votare.

    RispondiElimina
  5. ecco li contenti quelli che hanno votato no

    RispondiElimina
  6. Vorrei tanto che tutta questa marea nera se la sorbissero chi ha votato NO e soprattutto chi si è astenuto in particolar modo la mente ( il grande traditore della patria Giorgio Napolitano) e il suo braccio ( il grande arrogante e meschino ) Matteo Renzi . Purtroppo non sarà così e dio non voglia che un giorno grazie a loro il nostro mare non sia più un mare ma una grande fogna .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che molti italiani non abbiano capito l'importanza di questo referendum e non sono andati a votare forse perchè male informati o perchè timorosi per la possibile perdita di lavoro allertata da alcuni esponenti del governo che addirittura proponevano di non andare a votare.

      Elimina