sabato 2 aprile 2016

PAZZESCO! Una regione italiana dice addio all'euro.La sfida totale: ecco chi si sgancia



La Valle d'Aosta sta pensando di battere moneta propria, la Valdex, e trovare una via d'uscita creativa per sfuggire ai limiti di bilancio imposti dal patto di stabilità imposto agli enti locali dallo Stato. Con una propria moneta, la Regione è sicura di poter sbloccare circa 30 milioni di euro, che potrebbero poi essere spesi in investimenti.  Secondo quanto è emerso da un convegno sulle monete locali tenuto nel piccolo comune di Saint-Christophe: "Paghiamo l'indennità di bilinguismo dei dipendenti pubblici con la moneta locale" ha proposto Marco Gheller, esponente del partito autonomista valdostano Alpe.
Il progetto - L'idea era venuta tempo fa anche a Etienne Andrione, candidato sindaco di Aosta per l'Union valdotaine progressiste e a Pierluigi Marquis, capogruppo della Stella Alpina in Consiglio regionale. Come riporta Italia Oggi, la moneta valdostana non sostituirebbe l'euro, ma lo affiancherebbe, come già sperimentato in altre regioni come la Sardegna. In Europa ci sono stati diversi esperimenti anche riusciti, come a Bristol, in Inghilterra, dove hanno adottato la Bristol Pound, oppure in Belgio col Res, e nella regione bavarese della Germania col Kinguarer. In Italia aveva raccolto buoni risultati la Sardex in Sardegna, meno fortunata invece la Napo, battuta dal sindaco Luigi De Magistris a Napoli.
Senza banchieri - La Valdex, nome proposto da Marquis, non sarebbe stampata da una Banca centrale, ma sfruttata con strumenti simili a carte di credito e distribuita ai dipendenti pubblici. Con le tessere si potrebbero acquistare beni e servizi delle aziende locali.

12 commenti:

  1. Io di economia non sono un esperto. Ma vi assicuro che l'euro è un fallimento, e noi gente comune ce ne siamo resi conto,giorno dopo giorno. E sapete perché l'euro è un fallimento? La mia è una risposta semplice da persona semplice: " Perché- non- ha- portato- benessere-economico-a-nessuno." Gli unici ad aver guadagnato alla grande in questo sporco affare per me sono: politici,banche. Questi organi stanno riducendo alla fame tante nazioni. RIFLETTE gente. E io non sono un esperto in economia, ma questa è la mia conclusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo la moneta è un fallimento, ma è un fallimento l'europa come comunità gestita così....

      Elimina
    2. Lo scopo non e quello di creare benessere economico, ma distrugere le economie dei paesi del sud. Non si puo parlare di fallimento, perchè lo scopo fin dall'inizio e stato questo.

      Elimina
  2. L euro ha distrutto tutto
    Siamo ancora piu poveri maledetti a ki la messo tanto a loro ke gli importa visto ke prendono stipendi ke noi dovremo solo sognare basta diciamo anke noi no all euro

    RispondiElimina
  3. L euro ha distrutto tutto
    Siamo ancora piu poveri maledetti a ki la messo tanto a loro ke gli importa visto ke prendono stipendi ke noi dovremo solo sognare basta diciamo anke noi no all euro

    RispondiElimina
  4. SIA MALEDETTO CHI HA MESSO IN CIRCOLAZIONE L'EURO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Salve a tutti non vorrei entrare in nessuna polemica con nessuno di voi, una mia opinioni e che è vero che l'euro è stata ed è una moneta speculativa. Aggiungo chi doveva tutelare i bilanci x andare incontro ad un unica cosa non la saputo o non a voluto farlo. Non è possibile che ci svegliano dalla sera alla mattina un caffè che in ITALIA che il costo oscillava tra le 800 alla 900 vecchie LIRE, la mattina ci si sveglia lo stesso caffè nello stesso bar mi viene a costare 90 CENTESIMI di EURO. Quindi da profano io la colpa non la do a l'euro ma alla POLITICA che non ha saputo riguardare gli interessi del proprio POPOLO, come stanno facendo adesso che si aiutano i poteri forti come BANCHE ed è ecetara che fare gli interessi di chi paga le tasse....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Caffè costava 1400lire e nel periodo a doppia circulazione è passato a 70centesimi

      Elimina
  6. Salve a tutti non vorrei entrare in nessuna polemica con nessuno di voi, una mia opinioni e che è vero che l'euro è stata ed è una moneta speculativa. Aggiungo chi doveva tutelare i bilanci x andare incontro ad un unica cosa non la saputo o non a voluto farlo. Non è possibile che ci svegliano dalla sera alla mattina un caffè che in ITALIA che il costo oscillava tra le 800 alla 900 vecchie LIRE, la mattina ci si sveglia lo stesso caffè nello stesso bar mi viene a costare 90 CENTESIMI di EURO. Quindi da profano io la colpa non la do a l'euro ma alla POLITICA che non ha saputo riguardare gli interessi del proprio POPOLO, come stanno facendo adesso che si aiutano i poteri forti come BANCHE ed è ecetara che fare gli interessi di chi paga le tasse....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il prezzo del Caffè nel 2001 era tra le 1400 e le 1600 lire confermato poi nel periodo di doppia circolazione tra I 70 e gli 80 centesimi, nessun prezzo raddoppiato improvvisamente.

      Elimina
  7. appena usciamo dall'euro cosa da fare subito e' arrestare i delinquenti..PRODI E DALEMA..CAUSA DI TT QUESTO SCEMPIO...SAPEVANO CHE ALL'ITALIA NN CONVENIVA..MA AVRRANNO PRESO LE MAZZETTE DALLA MERKEL PER APPROVARLO....

    RispondiElimina
  8. Sia maledetto l'euro e chi la introdotto...

    RispondiElimina