venerdì 8 aprile 2016

LE MANI DI RENZI SULLE NOSTRE EREDITA’: DOPO LE PENSIONI, ECCO COSA VUOLE FREGARE AGLI ITALIANI



C’è un’ipotesi inquietante sulle intenzioni del governo. Per far cassa si vuole colpire non solo le pensioni di reversibilità ma anche le successioni. Sulle pagine di Milano Finanza è rispuntata l’ipotesi di un giro di vite sulle tasse di successione. In particolare una riduzione della franchigia ( (il valore dei beni ereditati dal coniuge o dal figlio, entro il quale non si pagano imposte) da un milione di euro a 300-400mila euro.  Poi un inasprimento delle aliquote fino a quattro punti percentuali.

La stangata è più pesante per le eredità sugli altri gradi di parentela, ad esempio tra fratelli e sorelle fino a un massimo del 15%. Il punto è che servono soldi per coprire buchi creati da previsioni troppo generose del governo Renzi e le entrate fiscali da beni patrimoniali danno un livello di certezza inferiore solo a quelle da pensioni.  Da Palazzo Chigi sono arrivate smentite ufficiose ma nette e inequivocabili, ma è altrettanto vero che i numeri sono quelli e il governo ha urgente bisogno di fare cassa.

5 commenti:

  1. Certo, io vado per il 9 anno,per una divisione ereditaria,svalutata dal 2007 ad oggi, oltre 300.000 Euro.
    I danni,morali economici,e fisici subiti, poi dovrò passare alle azioni penali! Quanto devo vivere? Intanto ho passato 9 anni di merda in povertà? Che Paese di Merda, dove non esiste Ne Diritto Ne Giustizia..

    RispondiElimina
  2. Ho un lotto edificabile che rientrava in zona C sin dal 1981, anno in cui lo acquistai, con piano di lottizzazione approvato. Nel 1982 alcuni proprietari di altri lotti confinanti hanno costruito abusivamente, senza attendere che tutti i proprietari facenti parte di quella lottizzazione firmassero la convenzione. Questa lottizzazione è stata poi inserita dal Comune in un piano di risanamento urbanistico. Ancora oggi tutto è fermo a causa dei proprietari che costruirono abusivamente che ostacolano la possibilità di convenzionarsi rifiutandosi di firmare la convenzione.
    Il Comune che è stato amministrato da democristiani, sardisti e socialisti e forza Italia sino all'anno 2000 e poi negli ultimi 15 anni dal PD, pur avendo approvato il piano di risanamento, nulla ha fatto concretamente per arrivare alla realizzazione del piano.
    Mi chiedo se l'onestà in Italia è ancora un valore.ho sempre rispettato le leggi. Non ho costruito abusivamente, ho pagato regolarmente le imposte sin dal 1981su un terreno che ancora oggi è solo potenzialmente edificabile. Mi ritrovo in una pessima situazione di salute e anche economica. E i miei figli, con questa ipotesi di inasprimento della tassa di successione ,dovrebbero continuare a subire i soprusi di una classe politica nazionale, ma anche locale che ha permesso agli abusivi di ieri di ripetere abusivismo nella stessa lottizzazione anche oggi.
    Dove sono i diritti per i cittadini onesti? E soprattutto, in Italia esiste ancora Giustizia?

    RispondiElimina
  3. CON UN GRAN PAGLIACCIO, COME QUES'INDIVIDUO, SERVO DELLE LOBBY, OCCORRE SOLO U'AZIONE............! QUANDO LO CAPIRETE, SPERIAMO CHE NON SIA TROPPO TARDI!

    RispondiElimina