giovedì 4 agosto 2016

" O pagate o ci date il vostro Paese " L'insulto di "Mister Merkel " all'Italia

"L'unione monetaria è a un bivio: o si cede più sovranità a Bruxelles o si accettano le procedure di default". Questo il titolo dell'intervista delCorriere dalla Sera a Jens Weidmann, il presidente della Bundesbank, il super-falco tedesco, il "braccio armato" di Angela Merkel. "Mister Merkel", appunto. Un titolo che ne sintetizza perfettamente il pensiero, la cui traduzione è altrettanto semplice: comanda la Germania, e se volete pagare un prezzo più basso (in situazioni che porterebbero a un bail-in bancario), la Germania dovrà comandare ancora di più.
Si parla delle banche italiani, della crisi dell'Unione e, ovviamente, di Mps. Si ricorda a Weidmann che il governo tedesco salvò le banche senza colpire i creditori, e lui ribatte: "Allora eravamo in una crisi finanziaria globale e non c'erano ancora le attuali regole europee. Queste norme sono una delle lezioni centrali tratte dalla crisi: dovrebbero contribuire a far sì che gli investitori e le banche valutino meglio i rischi che si assumono". Dunque, quando gli si ricorda che imporre perdite ai creditori può diventare un problema politico per i governi, il governatore risponde un po' beffardo: "Può essere. Ma dovremmo per questo derogare a regole piene di buon senso che ci siamo dati insieme? Il governo italiano può sostenere i singoli cittadini, se lo ritiene necessario".
Il super-falco, dunque, ribadisce: "Abbiamo concordato delle regole e la Bundesbank si impegna perché vengano rispettate. Un coinvolgimento credibile dei creditori è davvero necessario". Dopo la Brexit, gli si ricorda, ci sono state proposte di approfondire l'unione monetaria, mentre in Germania si predilige una pausa. "È un dibattito che ha poco a che fare con la Brexit - riprende -, ma credo che siamo arrivati a un bivio. Possiamo stabilire un legame ancora più stretto tra noi, per esempio con un bilancio comune. Ma in questo caso - e questo è il cuore del suo pensiero - dovremmo anche trasferire la sovranità a livello europeo. È una disponibilità che non vedo, né in Germania, né in Italia".

Fonte: http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/11940110/bundesbank-weidmann-sovranita-bail-in-banche-unione-monetaria.html

21 commenti:

  1. Certo diamogli ancora più sovranità per quel poco che ce rimasto..e vedremo svanire tutti i problemi creati proprio dalla cessione di sovranità per creare un europa dalla dittatura finanziaria per impoverire ancora di più i popoli del sud e loro i ricchi nordisti impadronirsi dei beni materiali..presi con i soldi a debito creati dal nulla...una truffa storica quella del signoraggio bancario..con l'aiuto dei nostri politici traditori che anno svenduto il nostro paese senza mandato popolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno soprattutto sui politici corrotti che ci hanno è ancora ci vendono per interessi personali. Ma anche loro dbbono morire

      Elimina
    2. Tu proprio i verbi non li sai vero?

      Elimina
  2. La prepotenzaTedesca è cosa antica, ancora prima di hitler , e come dire !! Il lupo perde il pelo ma non il vizio!! Alla merkel so io cosa dare !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ho ben capito il tuo pensiero, devo avvertirti: stai attento. Non facciamo che, invece di fare un dispetto alla Merkel, dandole ciò che hai in mente, finisci col farle un piacere? Pensaci bene, prima di farlo!

      Elimina
  3. Premesso che passare sotto il dominio tedesco potrebbe anche non essere un danno non mi sembra però che il bail-in sia risolutivo per il salvataggio delle banche adesso con i soldi dei risparmiatori si coprono i finanziamenti crediti inesigibili ma questi finanziamenti crediti rimangono persi ed una volta rubati i soldi dei risparmiatori non ce ne saranno più per una eventuale prossima volta che lo stesso bail-in non garantisce possa non esserci....la cessione di sovranità e solo una manovra volta ad accentuare il potere per impoverito e meglio sottomettere i popoli.....TORNARE AL MEDIOEVO

    RispondiElimina
  4. USCIRE SUBITO DALL'EURO ORA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prodi ci ha catapultati nell'euro, senza chiedere il permesso a nessuno. Ha trasformato in euro il debito che l'Italia aveva contratto in “lire”. Un debito che, in “lire” (continuando l'Italia a “battere moneta”), si sarebbe potuto pagare (magari a rischio di una inflazione, che, a breve, sarebbe rientrata, come erano rientrate quelle che l'avevano preceduta.
      Oggi, dopo la trasformazione del debito in euro, il saldo non è più possibile.
      E questo è destinato ad incrementarsi indefinitamente a causa degli interessi che si pagano all'Europa per ottenere la moneta necessaria a pagare un debito che non si potrà, mai, estinguere. BASTERA', OGGI, USCIRE DALL'EURO ?

      Elimina
    2. Prima si esce dall'euro e meglio sarà il futuro dell'Italia o per meglio dire,di quello che ne rimane!!!

      Elimina
  5. Lo sbaglio é stato ....buttare giù il muro e purtroppo questo è il risultato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... forse pensavano che Jens Weidmann, il futuro Presidente della Bundesbank (quello che vuole più sovranità dagli Stati membri) ci sarebbe finito sotto. Hanno fatto male i conti.

      Elimina
  6. Uscire subito da euro , lo impone la nostra salvezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prodi ci ha catapultati nell'euro, senza chiedere il permesso a nessuno. Ha trasformato in euro il debito che l'Italia aveva contratto in “lire”. Un debito che, in “lire” (continuando l'Italia a “battere moneta”), si sarebbe potuto pagare (magari a rischio di una inflazione, che, a breve, sarebbe rientrata, come erano rientrate quelle che l'avevano preceduta).
      Oggi, dopo la trasformazione del debito in euro, il saldo non è più possibile.
      E il debito è destinato ad incrementarsi indefinitamente a causa degli interessi che si pagano all'Europa per ottenere la moneta necessaria a pagare un debito, che non si potrà, mai, estinguere. PER SALVARCI DALLA BANCAROTTA, BASTERA', OGGI, USCIRE DALL'EURO?

      Elimina
  7. io vi ricordo che sia
    o un popolo e come tale siamo complici dell operato del governo. se non fossimo stati d'accordo ci saremmo messi i piedi in culo per buttarli fuori a calci invece di stare a guardare come dei poveri dementi

    RispondiElimina
  8. io vi ricordo che sia
    o un popolo e come tale siamo complici dell operato del governo. se non fossimo stati d'accordo ci saremmo messi i piedi in culo per buttarli fuori a calci invece di stare a guardare come dei poveri dementi

    RispondiElimina
  9. Visto e conoscendo, gli oscuri e malefici personaggi che hanno comandato e ancora oggi comandano in Italia, non sarebbe male se la Merkel annettesse l'Italia alla Germania, sicuramente i Tedeschi saprebbero come far sviluppare questo bellissimo paese che è in mani sporche e in mano ai porci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi interesso di porci e di mani sporche. Questi, li darei volentieri alla Germania.
      Ma, tu, con il nome che ti ritrovi, pensi che Dante, Manzoni, Alfieri, Michelangelo, Giotto, Leonardo, Raffaello, Verdi, Foscolo, Marconi, Leopardi, Galileo e tanti e tanti altri grandi, meritano di fare la fine che tu gli prospetti ? Andare a dare lustro, con le loro opere al popolo tedesco, già "lustro" delle sue origini e della sua stirpe, dai Germani ai Vandali ai Visigoti e, attraverso i secoli, fino a Hitler, alla Merkel e al paventato IV Reich da realizzare attraverso l'UE ?

      Elimina
  10. Non ci sono vie di uscita,ormai siamo in mano di questi ladroniaffamati di potere.Penso che la sola strada da perseguire sarebbe l'uscita dall'euro anche se ciò comporterebbe enormi sacrifici, ma per fareciò bisogna prima liberarci di tutto il marciume politico che abbiamo ora


    RispondiElimina
  11. Germania=Rispetto per il lavoro svolto bene, rispetto per i diritti di tutti,treni puntuali,città ordinate e pulite,burocrazia efficiente e soprattutto comprensibile (anche per uno straniero) là ci capivo, in Italia è impossibile....Berlino, addetti alla nettezza urbana 1 ogni circa 600 abitanti, Roma, 1 ogni 300, vale per tutto il sistema pubblico Italiano confrontato con la Germania, è forse una colpa dei Tedeschi se loro con la metà di personale hanno uno stato efficiente mentre noi ci affoghiamo nella monnezza? io se fossi un Tedesco avrei paura che la Germania diventi come l'Italia, e farei bene attenzione a che non succeda,da Italiano speravo che con la CE saremmo stati costretti ad inparare ad amministrarci un pò meglio, speranza ormai morta proprio, nemmeno siamo capaci di capire che i nostri nemici sono i nostri amministratori insieme all'esercito dei loro leccaculo e ruffiani che hanno infiltrato in ogni ufficio, ogni posto, ci stanno convincendo che tutto ciò è colpa della Frau Merkel!!!!!!!!!!!ne siete sicuri?

    RispondiElimina