sabato 10 settembre 2016

Trema il PD! A La7 salta fuori questo servizio. Per Renzi si mette malissimo. Ecco cosa c'è dietro la sua nomina a Premier



“Matteo Renzi non è stato eletto dal popolo e non dovrebbe sedere a Palazzo Chigi”: una frase ricorrente utilizzata dalle opposizioni, dal Movimento Cinque Stelle a Silvio Berlusconi. E’ vero. Matteo Renzi non è stato eletto dal popolo, così come nessun Presidente del Consiglio della storia italiana: lo stabilisce la nostra Costituzione. Infatti, l’Italia ha una forma di governo parlamentare: questo significa che potere esecutivo e legislativo sono legati indissolubilmente attraverso il rapporto di fiducia. Il Governo è emanazione diretta del Parlamento che deve accordare la fiducia al Presidente del Consiglio ed ai suoi ministri. Senza fiducia, non si costituisce il Governo; se il Parlamento vota la sfiducia, cade il Governo. Si noti che la caduta dell’Esecutivo non implica automaticamente nuove elezioni, bensì la palla passa nelle mani del Presidente della Repubblica. Ed è proprio il ruolo del Capo dello Stato a risolvere la controversa accusa: il Presidente del Consiglio è nominato dal Presidente della Repubblica, non dal popolo. A dirlo non è un sostenitore di Matteo Renzi, ma l’articolo 92 della Costituzione Italiana: “Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questo, i Ministri”.


Detto questo, esiste un forte grado di legittimazione popolare nella scelta del Presidente del Consiglio: infatti, il Capo dello Stato si deve basare sul risultato delle elezioni, che rappresentano l’espressione del volere del popolo italiano. Questo perchè il Capo del Governo deve ottenere la fiducia di Camera e Senato, la cui composizione dipende proprio dai risultati elettorali. In sostanza l’elezione del Presidente del Consiglio è indiretta: il Parlamento, eletto direttamente e che rappresenta la voce del popolo, accorda la fiducia ad un Presidente del Consiglio nominato dal Capo dello Stato. A partire dalla Seconda Repubblica, si è avviato un processo di personalizzazione della politica per cui il leader di un partito è proposto come premier. Tuttavia, si tratta di una prassi: la Costituzione indica sempre che il Presidente del Consiglio non è eletto dal popolo. Per questo motivo nel 2013 Pierluigi Bersani, leader del Partito Democratico, non è stato nominato premier da Giorgio Napolitano: non avrebbe ottenuto la fiducia di un Parlamento in cui il Partito Democratico non aveva la maggioranza assoluta dei seggi. Così, chiunque affermi che Renzi non ha diritto a sedere a Palazzo Chigi perché non eletto dal popolo italiano sbaglia. E non conosce la Costituzione Italiana.

12 commenti:

  1. Dobbiamo fare in modo che tutti vedano questo filmato!

    RispondiElimina
  2. Per caso qualcuno ha il link al documento ufficiale di JP Morgan?

    RispondiElimina
  3. A tuttora possiamo considerare Matteo Renzi ancora il nostro Presidente.

    RispondiElimina
  4. Il Presidente della Repubblica nomina il Primo Ministro ma, dovrebbe essere già votato dal popolo e cioè essere un deputato della Repubblica e Renzi non lo è!

    RispondiElimina
  5. Ma la legge elettorale allora vigente prevedeva il Vito per il candidato presidente degli schieramenti partitico. Legge approvata dal parlamento e firmata dal presidente della Repubblica e attiva per le tre ultime consultazioni nazionali . Si questo punto non vi è stato mai alcun rilievo della Corte Costituzionale perché innesta un processo di democrazia diretta . Il presidente della Repubblica doveva convenire che l'ultimo risultato elettorale non era idoneo a proporre un presidente del consiglio per l'intera legislatura , ma poteva proporre un governo a termine di tipo tecnico,ma cmq provvisorio. Già risultava illegittimo il governa Letta e a maggior ragione il governo Renzi. Si è così creata una creatura che è fuori dal risultato elettorale , a maggior ragione per la sentenza della Corte Costituzionale sul Parlamento dei nominati con le liste bloccate dalle segreterie dei partiti. Invece tutto passa liscIo confermando di essere davanti a uno stato antidemocratico dove il presidente della Repubblica tramite accordi segreti fa e di sfa la costituzione con risultati che niente hanno a che fare con la democrazia che assegna il mandato al popolo tramite il risultato delle urne . Si doveva tornare alle elezionil con il sistema. Proporzionale , come prevedeva indirettamente la sentenza della Corte . La Spagna senza governo da anni vanta risultati migliori di quelli ottenuti dall'Italia sul debito pubblico. Non c'era alcuna necessità proseguire con accordi poco trasparenti e sopratutto non democratici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un impostore messo la dai banchieri e dalle sette,non capisco perché non facciamo una rivoluzione per togliere dal governo renzo e i suoi ruffiani!

      Elimina
  6. Non mi esprimo mi sta talmente sulle palle quest'abbatino che rischierei la galera la mia più grande goduria e'vedere lui e tutti i suoi schifosi compari sotto le macerie di un terremoto che lo colpisca mentre vola con l'air force Renzi o addirittura addosso ad una montagna mi spiace per la montagna

    RispondiElimina
  7. Renzi è un nominato illegittimo e non ci piove ma il presidente del consiglio della repubblica italiana NON è eletto dal popolo. lo volete capire! questi vorrebbero che fosse così per stravolgere la costituzione e il paese in direzione autocratica presidenzialista. Renzi DEVE ANDARE A CASA O AL DIAVOLO perchè è un imbroglione bugiardo al servizio dei poteri forti dell'alta finanza e insediato da un presidente della repubblica che avrebbe dovuto essere impeached

    RispondiElimina
  8. noi siamo solo dei codardi perchè non prendiamo le armi per ribellarci.

    RispondiElimina