lunedì 12 settembre 2016

CLAMOROSO: 4 OTTOBRE, SEGNATI LA DATA: I GIUDICI AFFOSSERANNO RENZI! ECCO COSA ACCADRA’

L’intervento di Giorgio Napolitano sull’Italicum, la riforma elettorale diMatteo Renzi, è stato tutt’altro che casuale. Re Giorgio ha chiesto di metterci mano, di cambiare il testo, e non lo ha fatto per caso. Lo ha fatto perché il 4 ottobre, tra meno di un mese, i giudici della Corte costituzionale decideranno sulla sua legittimità. E, secondo quanto anticipato da Dagospia, il verdetto sarà negativo. E Napolitano ne sarebbe già consapevole.
Tre i punti del testo nel mirino. Il primo è quello relativo al premio, a forte rischio di incostituzionalità per il fatto che non ci sia una soglia minima per accedere al ballottaggio che offre un premio di maggioranza al vincitore. La seconda criticità è relativa al divieto di apparentamento, che impedirebbe ai partiti di coalizzarsi tra loro alle politiche. Terzo problema, quello relativo alle candidature plurime, ossia la possibilità per un candidato di presentarsi in più collegi elettorali.
Dunque, si arriva alle notizie “confidenziali” rivelate da Dago, secondo cui, come detto Napolitano già sa che l’Italicum verrà bocciato dalla Consulta. Dunque il sito fa notare: “Guarda caso, il giudice che ha il dossier è proprio quel Nicolò Zanon che Napolitano ha voluto alla Consulta”. Una bocciatura da parte della Consulta, per Renzi, avrebbe gravi conseguenze.
Non è un caso, infatti, che il premier si sia detto disponibile a mettere mano al testo. Ma non subito. Sempre secondo Dago, il cambio dell’Italicum potrebbe arrivare solo dopo il referendum, a Gennaio. Il piano di Renzi sarebbe quello di incassare prima il “sì” al referendum, per poi agire con una legge ordinaria che accolga le modifiche chieste dai giudici costituzionali. Se però al referendum vincessero i “no”, per Renzilo scenario sarebbe drammatico: a mettere mano all’Italicum dovrà essere un nuovo governo di scopo che scriva la nuova legge elettorale, indispensabile per tornare al voto. Un governo di scopo che potrebbe essere espressone della vecchia guardia Pd, per intendersi.
Fonte: ilgiornale.it

4 commenti:

  1. Le persone davvero intelligenti sanno capire quando è ora di ritirarsi. i deliranti no

    RispondiElimina
  2. Io spero che vinca il no, cosi mandiamo a casa il burattino, e se ho letto bene si va al voto, cosa che spero tanto.

    RispondiElimina
  3. La paura fa mille tra i criminali e i dittatori

    RispondiElimina
  4. Lo spero tanto. Che Dio ci aiuti ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

    RispondiElimina