giovedì 8 settembre 2016

Travaglio incazzato perde le staffe:"Tutti gli altri rubano e noi parliamo del M5S? Ma vaffanculo"



Ecco cosa scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano: 

Beccati. Finalmente li hanno presi con le mani nel sacco. Ecco cosa nascondono i 5Stelle, ecco perché Grillo e Casaleggio han fondato il MoVimento, ecco perché i grillini fanno politica: per fare soldi. La scoperta la dobbiamo ai segugi di Repubblica, che in due giorni han piazzato altrettanti scoop mica da ridere. I titoli parlano da sé: "Una pioggia di euro dagli spot sul blog, ecco la miniera d'oro di Beppe e Casaleggio", "Le ombre nel bilancio dei grillini al Senato". Hai capito quei ladroni? Zitti zitti, mentre tuonano contro i finanziamenti pubblici ai partiti, accumulano un tesoro nella grotta di Alì Babà. Come fanno? Semplice. Il nababbo Gianroberto Casaleggio, la cui società che edita il blog di Grillo (il 77° d'Italia) è sempre andata in perdita e nel 2012 racimolò un utile di 69.500 euro, incassa soldi a palate dalle pubblicità, pagate dagli inserzionisti un tot ogni mille clic.

Quanto? Secondo il Sole 24 Ore 5 euro. Secondo il titolo di Repubblica 0,92 euro; secondo l'articolo di Repubblica 0,64 euro. Per un totale annuo di 5-10 milioni secondo il Sole, di 570 mila euro secondo Repubblica . Se ne saprà di più il mese prossimo, quando sarà pubblicato il bilancio 2014 sul 2013 ("sarà molto migliore del 2013", ha anticipato il guru). È vero che non conterrà il dato scomposto del blog di Grillo; ma, essendo questo la principale attività della società, si capirà se l'ordine di grandezza è quello indicato dal quotidiano della Confindustria o da Repubblica. Nel primo caso, sarebbero un bel po' di soldi (peraltro legittimi, per giunta privati). Nel secondo, saremmo poco sopra l'accattonaggio. In ogni caso, la domanda sorge spontanea: siccome è assolutamente pacifico e dichiarato che il blog di Grillo, come peraltro tutti i siti web di questo mondo, si finanzia con gli spot, dove sarebbe il "mistero" dei finanziatori? Basta aprirlo e vedere chi sono gli inserzionisti. Non c'è nulla di meno misterioso di un'inserzione pubblicitaria. Si dirà: ma il blog di Grillo è l'organo ufficiale di un movimento politico. Verissimo. Esattamente come l'Unità ed Europa per il Pd, la Padania per la Lega, e così via (Forza Italia non ne ha bisogno). Ma con due lievi differenze. 1) I giornali di partito incassano fior di milioni dallo Stato, cioè da tutti i cittadini, compresi quelli che non si sognerebbero mai di votare per quei partiti, e senza quella "pioggia di euro", quella "miniera d'oro", fallirebbero all'istante; in più, sulla carta e sul web, fanno pubblicità e incassano altri soldi da inserzionisti privati. Secondo: nessuno mena scandalo per tutto ciò, nessuno pubblica "inchieste" sulla "pioggia di euro" e la "miniera d'oro" degli house organ dei partiti.

Ma attenzione: ora, sempre grazie a Repubblica , conosciamo pure "le ombre nel bilancio dei grillini al Senato". Quali? Tenetevi forte: "affitti da 2 mila euro al mese ai dipendenti della comunicazione" (il prezzo medio di un trilocale al centro di Roma), "pranzo da 6,71 euro consumato il 6 giugno dal senatore Lucidi" nel ristorante di Palazzo Madama" e soprattutto, scandalo degli scandali, "buffet in onore di Beppe Grillo che l'11 luglio 2013 tenne una conferenza stampa al Senato", roba da "114 euro" per 55 persone (il capo e 54 senatori), cioè 2 euro a testa, mica bruscolini. Ed ecco la prova che c'era qualcosa da nascondere: nel rendiconto "per uso interno", il sardanapalesco banchetto fu registrato come "acquisto di panini e bibite per accoglienza Grillo", mentre in quello pubblico c'è scritto "spese di rappresentanza". Capita la furbata?

Dopodiché, astuti come volpi, i 5Stelle potevano papparsi 42 milioni di rimborsi elettorali, invece li hanno lasciati allo Stato; ogni tre mesi potrebbero intascarsi 2,5 milioni non spesi fra diarie e indennità, invece li versano in un fondo per le piccole imprese; potevano pure spartirsi i 420 mila euro avanzati dai contributi raccolti nella campagna elettorale 2013, invece li hanno devoluti ai terremotati dell'Emilia. Ma il movente è chiaro: farsi una gazzosa da 2 euro con Grillo alla facciazza degli italiani. Sporcaccioni.

9 commenti:

  1. CONTINUANO TRANQUILLAMENTE. I TUOI COLLEGHI, COME IENE AFFAMATE, RECUPERANO BRANDELLI E LI DIVORANO SENZA VERGOGNA.

    RispondiElimina
  2. Travaglio continua sulla tua strada, è quella giusta, e resta sempre con il pensiero libero nel giudizio.So che vale poco ma " Hai la mia ammirazione"

    RispondiElimina
  3. In un paese di corrotti trovare un esperto che faccia l'Assessore a Roma sposando lo spirito del M5S e come cercare l'Ago in un pagliaio. E questo il Problema di tutta questa assurda vicenda ingrandita ad Arte dalla Peste emozionale. E nessuno ovviamente non lo dice. Anche il GRANDE GIORNALISTA TRAVAGLIO si è Fatto fregare ed è caduto nella TRAPPOLA DELLA PESTE. Si sta verificando che i ladri e corrotti, e gli ipocriti, si ergono da giudici. Mi ricorda una storia di 2000 anni fa. "Chi è senza peccato scagli la prima pietra." Allora hanno messo giù e pietre. Oggi questa gente miserabile non ha neanche più una coscienza che gli parla.

    RispondiElimina
  4. Persona coerente e acuta, credibile TRAVAGLIO, merita rispetto.

    RispondiElimina
  5. il problema son quelli che difendono le caste.

    RispondiElimina
  6. Chiedere al potere di riformare il potere....
    Che ingenuità!
    ( Giordano Bruno, 1548-1600)

    RispondiElimina
  7. Caro Marco . E questo linguaggio che meritano a queste creature ignobili , immorali . La tua forza ,la tua penna , il tuo pensiero , le tue idee (scusami della immodestia) , levano , le maschere ai traditori , ai falsari a questi parassiti , e gli riporti nella veste naturale a loro , che e ALTO TRADIMENTO .

    RispondiElimina
  8. E gli altri?!? Ecco la frase magica... E gli altri?!? La giustificazione perfetta. è l'ora di iniziare a fare non di continuare a guardare gli altri!

    RispondiElimina
  9. Marco complimenti: Più ti sento parlare e più mi piaci. Ammiro la tua lealtà nel condannare tutti i ladri che ci circondano avendo ridotto l'italia in miseria Ti ringrazio di avermi inserita nel tuo gruppo e nel quale mi attiverò per fare trionfare la giustizia , la fiducia nella politica a questa nazione che non crede più dopo i 30 anni trascorsi nelle mani di ladri e ladroni

    RispondiElimina