venerdì 1 luglio 2016

MAFIA CAPITALE, BUFERA NEL PD: AVVISO DI GARANZIA E DIMISSIONI PER IL PIDDINO DELLA REGIONE LAZIO

Regione Lazio – Bufera in Regione Lazio tra gli scranni del PD. Doccia fredda per Nicola Zingaretti.  Marco Vincenzi da poco nominato Presidente della Commissione bilancio della Regione Lazio stamattina si è dimesso. La Procura di Roma ha notificato un avviso di conclusioni indagini per 28 persone coinvolte nell’inchiesta Mafia Capitale.
L’indagine sul Mondo di Mezzo sembrerebbe mai essere terminata, così ora con la terza fase il provvedimento con rischio di rinvio a giudizio colpisce anche  volti nuovi, oltre a quelli che figurano già come imputati nel maxi processo. La chiusura indagini infatti coinvolge anche Salvatore Buzzi, figura chiave della maxinchiesta, Luca Odevaine, ex componente del tavolo sull’immigrazione e Eugenio Patanè, ex consigliere alla Regione Lazio nella fila del Pd.
VINCENZI, D’AUSILIO COLPITI DALLA TERZA INDAGINE
Tra i nomi nuovi spiccherebbero quelli dell’ex capogruppo del Pd in Consiglio Comunale, Francesco D’Ausilio e l’ex capogruppo al consiglio regionale del Lazio, sempre del Pd, Marco Vincenzi.
Si legge: “I fatti risalgono al periodo compreso tra il 2011 e fine 2014. Tra i reati contestati, a seconda delle posizioni, corruzione, turbativa d’asta, rivelazione di segreto d’ufficio e finanziamento illecito ai partiti”
Marco Vincenzi, già era contestatissimo per la sua nomina a Presidente della IV Commissione bilancio della Regione Lazio, partecipazione, demanio e patrimonio, programmazione economico-finanziaria, del 9 febbraio 2016 passata con con 8 voti a favore, 5 schede bianche e una nulla.  L’elezione del nuovo presidente s’era resa necessaria a seguito delle dimissioni di Mauro Buschini (Pd), diventato a sua volta assessore ai Rapporti con il Consiglio, Ambiente, Rifiuti. La commissione, che si compone di 14 membri (8 di maggioranza e 6 di opposizione), doveva provvedere nella successiva seduta alla elezione di uno dei due vicepresidenti, in sostituzione del dimissionario Simone Lupi (Pd). 
MARCO VINCENZI SI DIMETTE
Arrivano puntuali le dimissioni del Consigliere Vincenzi tramite una nota, si legge su AgenParl: “Mi è giunta questa mattina la comunicazione di chiusura delle indagini con notifica dell’avviso di garanzia. Ribadisco la mia totale estraneità alla vicenda, sicuro di aver sempre operato nella più assoluta correttezza e nel pieno rispetto della legge come potrò ampiamente dimostrare. Tuttavia, a tutela dell’istituzione Regionale e del mio diritto alla difesa, ho deciso di rassegnare le dimissioni da presidente della Commissione bilancio della Regione Lazio e di auto sospendermi dal Partito Democratico. Quando cinque mesi fa ho accettato l’incarico, non avevo ricevuta alcuna comunicazione giudiziaria. Oggi che questa condizione è venuta meno, preferisco fare un passo indietro per serietà e rispetto nei confronti dei tanti cittadini – elettori che mi hanno dato la fiducia, del Pd, dei colleghi d’aula e del presidente Zingaretti. Confermo la mia più assoluta fiducia nei confronti della magistratura e sono certo che potrà essere facilmente accertata la correttezza del mio comportamento”.
fonte: http://www.freedompress.cc/mafia-capitale-bufera-nel-pd-alla-regione-lazio-vincenzi-si-dimette-per-avviso-di-garanzia/

15 commenti:

  1. Gettiamo fuori tutti i partiti e tutte le mafie che mantengono la disoccupazione ad alti livelli.

    RispondiElimina
  2. Ma dice che quelli del pd erano tutti puliti|||||||||||

    RispondiElimina
  3. Bisogna riformare la giustizia, processi brevi, chi e colpevole con reati contro la costituzione, e contro il popolo Italiano carcere a vita, in modo che non danno più fastidio

    RispondiElimina
  4. Non vanno solo processati se colpevoli devono confiscate tutti i beni riconducibili a lui per recuperare il frutto del malaffare

    RispondiElimina
  5. Non vanno solo processati se colpevoli devono confiscate tutti i beni riconducibili a lui per recuperare il frutto del malaffare

    RispondiElimina
  6. Non vanno solo processati se colpevoli devono confiscate tutti i beni riconducibili a lui per recuperare il frutto del malaffare

    RispondiElimina
  7. Ideona, trasformiamo la sede del PD in un carcere, la struttura c'è già i carcerati pure, si butta via la chiave è lasciamo che si scannano tra loro ������

    RispondiElimina
  8. Non vanno solo processati se colpevoli devono confiscate tutti i beni riconducibili a lui per recuperare il frutto del malaffare

    RispondiElimina
  9. Magari sul serio non c'entra nulla... c'è un GOMBLOTTO contro di loro... Si stanno sgretolando ed ora Virgina e tutto il movimento unito e compatto farà cascare anche la Regione Lazio che più schifo di la dentro c'è solo il cesso di casa mia dopo tre settimane che non lo pulisco

    RispondiElimina
  10. E NN SOLO TUTTI I BENI ,, NON DEVONO PIU ENTRARE IN NESSUN LUOGO PUBBLICO FINO ALLA 5 GENERAZIONE ,,, ALMENO COSI IMPARANO ANCHE AI LORO DI RISPETTARE IL PROSSIMO ,,,

    RispondiElimina
  11. il più pulito del pd a la rogna

    RispondiElimina
  12. Eppure i militanti del PD si sono sempre definiti persone pulite e al di sopra di tutto e di tutti con una continua demonizzazione dell'avversario politico.......!!!

    RispondiElimina
  13. Dovrei essere stupito ? Per niente fuori i ladri dall'Italia che l'hanno è hanno disonorato anche noi cittadini lavoratori.

    RispondiElimina