martedì 12 luglio 2016

"I vitalizi dei parlamentari ormai sono insostenibili". Panico tra i politici. Il siluro dell'Inps fa tremare la casta

Per gli ex parlamentari sono in pagamento 2.600 vitalizi per una spesa di 193 milioninel 2016, circa 150 milioni superiore rispetto ai contributi versati.

Lo dice il presidente dell’Inps, Tito Boeri in una audizione alla Camera sui vitalizi. "Applicando - dice - le regole del sistema contributivo oggi in vigore per tutti gli altri lavoratori all’intera carriera contributiva dei parlamentari, la spesa per vitalizi si ridurrebbe del 40%, scendendo a 118 milioni, con un risparmio, dunque, di circa 76 milioni di euro l’anno (760 milioni nei prossimi 10 anni)". Boeri nell’audizione sottolinea come la spesa negli ultimi 40 anni sia stata "sempre più alta dei contributi. Normalmente un sistema a ripartizione (in cui i contributi pagano le pensioni in essere) - precisa - alimenta inizialmente forti surplus perchè ci sono molti più contribuenti che percettori di rendite vitalizie. Nel caso di deputati e senatori, invece, il disavanzo è stato cospicuo fin dal 1978, quando ancora i percettori di vitalizi erano poco più di 500, prova evidente di un sistema insostenibile".

"Essendo il numero dei contribuenti fisso - dice - questi andamenti erano più che prevedibili. Eppure si è ritenuto per molte legislature di non intervenire. Addirittura si sono resi questi trattamenti ancora più generosi, come testimoniato da una crescita, per lunghi periodi, più accentuata della spesa che del numero di percettori. I correttivi apportati più di recente alla normativa, pur avendo arrestato quella che sembrava una inarrestabile crescita della spesa - continua - non sono in grado di evitare forti disavanzi anche nei prossimi 10 anni". "Con le regole attuali - sottolinea Boeri - la spesa per vitalizi è destinata ad eccedere anche nel prossimo decennio di circa 150 milioni l’anno i contributi versati da deputati e senatori. Applicando le regole del sistema contributivo oggi in vigore per tutti gli altri lavoratori italiani all’intera carriera contributiva dei parlamentari, la spesa per vitalizi si ridurrebbe del 40%, scendendo a 118 milioni. Vi sono 117 ex-deputati e senatori con lunghe carriere contributive per i quali il ricalcolo potrebbe comportare un incremento del vitalizio. I risparmi derivanti dal ricalcolo contributivo salirebbero a circa 79 milioni se la correzione alla luce del ricalcolo contributivo avvenisse solo al ribasso, tenendo conto del fatto che per la stragrande maggioranza degli ex- parlamentari ha ricevuto un trattamento di favore rispetto agli altri contribuenti". "Supponendo poi che il rapporto fra vitalizi in essere e vitalizi ricalcolati sia lo stesso per i consiglieri regionali, il risparmio complessivo in caso di ricalcolo per l’insieme delle cariche elettive - avverte il presidente Inps - salirebbe a 148 milioni di euro circa per il solo 2016 (e circa un miliardo e 457 milioni sui primi 10 anni presi in considerazione dalle nostre simulazioni). Si tratta, dunque, di misure non solo simboliche, ma in grado di contribuire in modo significativo alla riduzione della spesa pubblica o al finanziamento di programmi sociali".

fonte: http://attivistam5snews.blogspot.it/2016/05/finalmente-linps-avverte-i-vitalizi-dei.html

12 commenti:

  1. Era ora! Ed adesso che cosa farà questa casta di inetti e parassiti?

    RispondiElimina
  2. semplice aumenteranno le tasse a noi

    RispondiElimina
  3. E' ora che questo avvenga in fretta, ci sono moltissime persone che non hanno più la lavoro ne tantomeno sostentamento economico e che hanno superato i 50 anni di età, nonostante avessero versato nelle casse dell'INPS 30 35 38 40 anni di contributi devono aspettare i 68 anni per prendere la loro pensione? assurdo e cosa mangiano nel frattempo? Ritengo che uno stato democratico debba assolutamente e urgentemente fare politiche rivolte al sociale, deve assolutamente intervenire affinchè tutti abbiamo un reddito, ma sopratutto a coloro che hanno contribuito con molti anni di versamenti presso le casse dell'INPS, a costoro, visto che sono stati licenziati a oltre 50 anni e quindi non sono più ricollocabili gli deve essere riconosciuta una pensione in base ai versamenti fatti, e non lasciarli abbandonati a se stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido in pieno tutto ciò che hai scritto

      Elimina
    2. condivido in pieno tutto ciò che hai scritto

      Elimina
  4. Bravo Boeri
    Metti un Po di ordine

    RispondiElimina
  5. Visto che i politici fanno le leggi lo ascolteranno?

    RispondiElimina
  6. Visto che i politici fanno le leggi lo ascolteranno?

    RispondiElimina
  7. Italiani!!! Voi ancora vi fidate di questa gentaglia. Innanzitutto vorrei sapere a quanto ammonta il super stipendio di Boeri. Quanto gli spetterebbe in nel caso lasci la direzione dell'I.N.P.S.. Dopo ciò,vorrei dire che sicuramente questo bel discorso, nasconde altre iniziative che riguardano milioni di pensionati Italiani. Il pallino fisso di questo governo è che lasciando e facendo finta di ritoccare i loro vitalizi e pensioni, vogliono fare una legge per il ricalcolo delle pensioni, a tutti i lavoratori che hanno dato sangue e sudore alla famiglia e al paese, introducendo per tutti il retributivo, toccando le pensioni che superano 4/5 volte il minimo. cioè tutti quelli che prendono una pensione lorda di circa 2500 euro che al netto diventa di circa 2000 euro ed anche meno. Questo è il loro obbiettivo, perchè in questo modo riescono a raccogliere diversi milioni o miliardi di euro. Poi i loro vitalizi e super stipendi sicuramente troveranno un'altro modo per farli ricrescere!!

    RispondiElimina
  8. A RIGOR DI LOGICA.....MA LORO NON L'HANNO MAIIIIIIII AVUTA. SE VERSO 100 QUALE MOTIVO GIURIDICO ESISTE DI PRETENDERE 500 ? E' ILLOGICO E IMMORALE. REGOLA CHE VALE PER TUTTI E CON LO STESSO PRINCIPIO. VAI AVANTI BOERI. TI RINGRAZIEREMO. NESSUNA CONSULTA LI PROTEGGERA' SE HANNO VERSATO MENO E PER POCO TEMPO.

    RispondiElimina
  9. Facciamo una raccolta di firme,le pensioni vanno pagate in base a quello che ai versato.

    RispondiElimina
  10. Facciamo una raccolta di firme,le pensioni vanno pagate in base a quello che ai versato.

    RispondiElimina