mercoledì 7 marzo 2018

ULTIM'ORA - DI MAIO HA LANCIATO QUESTO MESSAGGIO AI PARTITI. NON HANNO SCAMPO..GUARDATE COSA HA DETTO..

"Non si può fermare il vento con le mani", scrive il capo politico del Movimento a Repubblica. E invita i partiti (tutti) a confrontarsi sui temi per cambiare il Paese


Niente "teatrini" o "giochini di palazzo", con l'inizio della "terza repubblica" è arrivato "il momento di fare le cose che aspettiamo da 30 anni e lo si può fare solo cambiando metodo". Lo scrive il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, in una lettera a "Repubblica" in cui dice: "Ho sempre detto che il governo per noi si sarebbe potuto fare in base a convergenze sui temi ed è la linea che intendo portare avanti. Tutte le forze politiche devono manifestare responsabilità in tal senso".

Governo con convergenze sui temi - "La portata di questo voto è immensa e segna uno spartiacque con tutto quello che è venuto prima. Forse ancora non ne apprezziamo del tutto l'importanza, soprattutto per quanto inciderà sugli anni a venire. Ma una cosa è sicura. Da qui non si torna più indietro. Ho detto in ogni città dove sono stato in campagna elettorale che il governo per noi si sarebbe potuto fare in base a convergenze sui temi ed è la linea che intendo portare avanti in totale trasparenza di fronte ai cittadini e al capo dello Stato. Tutte le forze politiche devono manifestare responsabilità in tal senso". Lo scrive il candidato premier del M5S Luigi Di Maio, in una lettera pubblicata su Repubblica indirizzata agli altri partiti.

Non è un voto di protesta ma un voto sui problemi del Paese - "Il voto ha ormai perso ogni connotazione ideologica. I cittadini non hanno votato per appartenenza o per simpatia, hanno votato per mettere al centro i temi che vivono nella propria quotidianità e per migliorare la propria qualità di vita. La narrazione del "va tutto bene" non ha retto di fronte alla realtà vissuta dagli italiani. Dieci milioni di poveri non possono essere ignorati. Trenta miliardi di sprechi non possono non essere eliminati. Una tassazione folle per le imprese non può non essere ritoccata. La sicurezza nelle città giorno e notte non può non essere garantita - ha spiegato - La disoccupazione, soprattutto giovanile, non può continuare a dilagare. Questo è il messaggio che arriva forte e chiaro dalle urne. Non è stato un voto ideologico, così come non è stato un voto di protesta. E' stato un voto programmatico e i punti principali sono quelli sinteticamente ricordati sopra. Abbiamo ascoltato il Paese e messo al centro del dibattito elettorale questi temi, proponendo non solo le ricette, ma anche le persone che possono realizzarle".

Basta con l'arroganza della politica - "Sento tutta la responsabilità di fronte a questa apertura di credito da parte dei cittadini e non intendo sottrarmi agli oneri che ne derivano. La politica deve smetterla di essere arrogante e deve iniziare ad essere umile. 'Politica vuol dire realizzare' disse Alcide De Gasperi. Politica per noi sarà realizzare il programma che abbiamo presentato agli elettori. Politica sarà mantenere gli impegni. Politica sarà onestà. Per decenni i partiti hanno messo al centro i loro interessi, per decenni la formazione dei governi è avvenuta con il bilancino per accontentare gli appetiti dell'uno e dell'altro - ha concluso Di Maio -. Ora insieme abbiamo la storica occasione di cambiare l'Italia. Io non voglio perderla e chi ha scelto di ostacolare a tutti i costi il cambiamento faccia pure, ma sappia che non si può fermare il vento con le mani e che noi nonostante tutto cambieremo l'Italia".

Fonte: http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/speciale-politiche-2018/di-maio-lancia-l-appello-ai-partiti-cambiate-metodo-il-m5s-e-pronto-al-confronto-con-tutti-_3127092-201802a.shtml



19 commenti:

  1. Ha ragione andare nuovamente a votare con una legge elettorale fatta bene è l' unica soluzione .Questa legge elettorale e' veramente schifosa per ostacolare un nuovo governo. Spero che Mattarella dia ugualmente il governo ai 5 stelle se non si trovasse punti di incontro o al voto nuovamente. Sono certa che il popolo italiano a questo punto voterebbe il movimento e la vecchia politica che ha rovinato il paese andrebbe tutta a casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava parole sante.👍🙋‍♂️

      Elimina
    2. Certamente bisogna essere correnti con la linea esposta in campagna elettorale perché il popolo è stanco di soprusi ed altre oscenità mascherate da leggi ad personam e lobbies basta diamo una sterzata a questa nave alla deriva..

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Verissimo!Condivido in pieno.

    RispondiElimina
  4. Con la fermezza si può riuscire . Auguri

    RispondiElimina
  5. ANDIAMO AVANTI COSI E NON MOLLIAMO..

    RispondiElimina
  6. Non mollare e la strada giusta

    RispondiElimina
  7. Non dimenticatevi di fare leggi severe per la criminalità e pene adeguate (non finte ), le carceri non fatele diventare hotels a 5 stelle ( come lo sono gia) .

    RispondiElimina
  8. I tre punti:dimezzamento degli stipendi,via i vitalizi e riduzioni degli sprechi sulla spesa corrente per l'aiuto a giovani coppie che fanno figli è inderogabile.Poi (se sono ancora vivi) dovranno riconoscere che il nostro programma è a favore degli Italiani che hanno di più subito la crisi di questi lunghi anni di recessione e sprechi.Il reddito di cittadinanaza è l'unica soluzione attuabile in tempi ristretti,che rimetterebbe in moto i consumi interni....

    RispondiElimina
  9. DI MAIO AL CAPO DELLO STATO: DEVE PRETENDERE L'INCARICO!!! NON NCREDO CHE MATTARELLA VOGLIA UNA SOLUZIONE FINALE DI RIVOLUZIONE POPOLARE !!!!! CI PENSI BENE ! PER IL BENE DELL'ITALIA.

    RispondiElimina
  10. Di Maio ha ragione è la Santa Verità! io sento e so che ci dobbiamo fidare! Signori Luigi è una persona molto intelligente, e non è un caso che è arrivato dove sta, naturalmente grazie soprattutto al popolo che ha avuto Fiducia

    RispondiElimina
  11. Prendetevi il Governo !!
    Abbiamo votato Voi...gli altri a casa. MATTARELLA x primo 😂

    RispondiElimina
  12. PREVEDO I SOLITI GIOCHI DELLE TRE CARTE DEI PD E LA FOTTUTA PAURA CHE HANNO TUTTI I ÖLITI POLITICANTI DI 4 SOLDI.. E IN PIU' NON DIMENTICHIAMO CHE MATTARELLA E'UN PD!!! DI ANDARE A CASA E DOVER TROVARE UN LAVORO

    RispondiElimina
  13. alle elezioni di nuovo e prendiamo il 51/% PER EVITARE UN GOVERNO DEL PRESIDENTE"PD" (il5°))

    RispondiElimina
  14. Mattarella non darà l'incarico a Di Maio,ma appoggerà un governo di "responsabilità" nazionale.Il msg è chiaro!! E non c'è peggior sordo di colui che nn vuol sentire.Anche se i 5stelle è il primo partito!!!alternativa??? di nuovo al voto (forse).

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.