domenica 22 ottobre 2017

"Il regalo del governo a Cairo per la sua La7". La notizia clamorosa rilanciata dal notissimo giornale.

Molti lettori si sono chiesti perché negli ultimi mesi è cambiato l’atteggiamento di diversi programmi di La7 nei confronti del M5S e perché programmi che facevano informazione di qualità come La Gabbia di Paragone sono stati chiusi.
Un indizio sembra arrivare dal Fatto Quotidiano. Lorenzo Vendemiale in un articolo pubblicato oggi racconta che grazie ad un provvedimento inserito nella legge di Bilancio l’organizzatore unico del Giro d’Italia sarà il gruppo editoriale presieduto da Urbano Cairo tramite la sua partecipata Rcs sport.
Si tratta di un affare del valore di 6 milioni di euro e che, spiega il giornalista del Fatto, “dal 2018 potrà contare pure (cosa mai successa prima) su contributi governativi per l’organizzazione della Corsa Rosa, che alla casa madre frutta diversi milioni l’anno”.
Nei mesi scorsi aveva fatto discutere la fidejussione statale data dal ministro Lotti alla FederGolf per la la Ryder Cup 2022.
Stavolta per di più, spiega Vendemiale, la questione è ancora più “spericolata della precedente” perché “se allora si trattava pur sempre di finanziare una Federazione sportiva che ricade sotto l’egida dello Stato (tant’è vero che i soldi furono assegnati al Coni, e da questo girati alla Fig), stavolta parliamo di contributi pubblici affidati a un privato. E che privato: il colosso Rcs Media Group, società quotata in borsa”.
Una società, aggiunge il giornalista, “che Luca Lotti conosce bene: ha già avuto modo di occuparsene in passato, da sottosegretario con delega all’editoria del precedente governo Renzi. E anche di recente come ministro dello Sport, quando è stato ospite d’onore a Gerusalemme della presentazione del Giro 2018, che partirà eccezionalmente da Israele.”

Elio Lannutti: ‘Ecco perché La7 è diventata ventriloqua prediletta di Renzi e Governo, capeggiata da mitraglietta’


Il presidente di Adusbef Elio Lannutti ha commentato la notizia con un post sul proprio profilo Facebook: “Bilancio: ecco perché La7 è diventata ventriloqua prediletta di Renzi e Governo, capeggiata da mitraglietta,” si legge sul social network.

11 commenti:

  1. Poveri tifosi granata, che brutto presidente...

    RispondiElimina
  2. Per i soldi ed il potere vendono pure sua madre e si inchinano ai loro desideri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io direi: per i soldi ed il potere, si vendono la madre e anche il sedere

      Elimina
  3. C'è da usare il fucile a piombini

    RispondiElimina
  4. Io non seguo più LA7, da quando hanno chiuso "LA GABBIA" di PARAGONE.

    RispondiElimina
  5. è proprio vero, in Italia non c'è onestà, i milionari cercano più milioni possibili e sanno di farlo dando delle mancette a molti che si abbandonano alla corruzione. Andremo avanti sempre così, non cambierà mai.

    RispondiElimina
  6. cairo vai a fare in culo con la tua televisione di merda, non la guardo più

    RispondiElimina
  7. Avevo gia intuito che c’era qualcosa di strano!!!
    Beh, vorrà dire che troveremo un'altra emittente che nin si faccia comprare.
    Che delusione, viviamo in un paese di corrotti che si vendono al miglior offerente come le prostitute...

    RispondiElimina
  8. io non la guardo più da quando hanno tolto la gabbia di Paragone!

    RispondiElimina
  9. E' sempre bello avere un santo in(paradiso),anche se è solo di 5 stelle.

    RispondiElimina
  10. Il sistema é. Sempre.lo stesso.regali regali

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.